War Machine streaming disponibile da maggio 2017

Immagine tratta da War Machine
        123 minuti

Una satira sulla guerra dell'America contro l'Afghanistan, con particolare attenzione alle persone che gestiscono la campagna. La storia ricrea l'ascesa e la caduta sulle montagne russe di un generale americano, in parte realtà e in parte parodia selvaggia, sollevando lo spettro di dove si trovi oggi il confine tra le due cose. La sua è un'esplorazione della marcia ultra-sicura di un leader nato verso il cuore oscuro della follia. Al centro della storia c'è l'interpretazione sorniona di Brad Pitt di un generale a quattro stelle, carismatico e di successo, che si è lanciato come una rockstar al comando delle forze NATO in Afghanistan, per poi essere abbattuto dalla denuncia senza mezzi termini di un giornalista.

Il film è stato distribuito su Netflix il 26 maggio 2017.

2,8
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Nell'estate del 2009, il generale a quattro stelle Glen McMahon, dopo essersi fatto conoscere per la sua efficace leadership in Iraq, viene inviato in Afghanistan per preparare una valutazione strategica che consenta al governo di porre fine alla guerra in corso. Gli viene data ampia libertà di scrittura, con l'unica condizione di non richiedere più truppe. McMahon e il suo staff, in particolare il suo braccio destro, il Maggiore Generale Greg Pulver, sono convinti che la guerra possa essere vinta e decidono di raccomandare al Presidente Obama di autorizzare un aumento di 40.000 truppe per proteggere la provincia di Helmand al fine di stabilizzare il Paese. Tuttavia, il Segretario di Stato informa McMahon che, poiché ha richiesto più truppe e tale incremento è incompatibile con le imminenti elezioni, il rapporto di McMahon non sarà esaminato fino a dopo le elezioni presidenziali in Afghanistan.

Il capitano Badi Basim, membro dell'esercito nazionale afghano, si unisce allo staff di McMahon come "rappresentante" del popolo afghano. Arriva però in abiti civili perché non vuole indossare la sua uniforme, che tiene in una borsa, a causa del rischio di essere ucciso. Nel frattempo, McMahon viene informato che, a causa dei massicci brogli elettorali avvenuti durante le recenti elezioni, si dovrà tenere un ballottaggio, ritardando ulteriormente la revisione della valutazione. Stufo, McMahon fa trapelare segretamente la valutazione al Washington Post e organizza un'intervista con 60 Minutes, durante la quale rivela che, negli ultimi 70 giorni, gli è stato concesso un solo incontro con il Presidente Obama. In risposta, Obama annuncia che invierà 30.000 truppe in Afghanistan, ma che tutte le forze statunitensi e della coalizione presenti nel Paese se ne andranno entro 18 mesi, facendo infuriare McMahon e il suo staff per aver telegrafato la strategia afghana dell'America ai Talebani in Afghanistan. Per raccogliere le restanti 10.000 truppe necessarie a far funzionare la sua strategia, McMahon e i suoi uomini si recano a Parigi per negoziare con le altre nazioni della coalizione.

A Parigi, McMahon viene a sapere che il Presidente si trova in Danimarca e desidera incontrarlo. L'ambasciatore in Afghanistan avverte McMahon che deve capire la posizione del Presidente Obama: se McMahon continua a far arrabbiare il Presidente, sarà licenziato per insubordinazione. Il Presidente, tuttavia, si limita a stringere la mano a McMahon mentre sale a bordo dell'Air Force One, presumibilmente per motivi di tempo, e McMahon e il suo staff partecipano a una cena in onore di McMahon, accompagnati dallo scrittore di Rolling Stone Sean Cullen, che intende scrivere un articolo sulla sua performance per un prossimo numero. Il giorno dopo, durante la cena per il loro anniversario di matrimonio, la moglie di McMahon, Jeanie, lo mette di fronte al fatto che passa molto tempo a combattere all'estero invece di stare con la sua famiglia a casa.

Mentre è in viaggio verso Berlino con lo staff di McMahon per continuare i negoziati, Cullen osserva il loro comportamento quando sono "fuori dal paese" e conclude che sono arroganti, sembrano non curarsi della crescente percezione pubblica che la guerra sia costosa e non vincibile e disprezzano la leadership civile. Durante una conferenza per discutere la sua strategia, McMahon viene affrontato da un ufficiale tedesco che critica la guerra e la strategia di McMahon. Tuttavia, sia i tedeschi che i francesi accettano di fornire le truppe necessarie per portare avanti l'offensiva pianificata da McMahon, denominata in codice "Operazione Moshtarak", con l'approvazione del presidente afghano Hamid Karzai.

L'operazione viene avviata, ma presto si scontra con un problema: diversi civili vengono accidentalmente uccisi. Quando McMahon organizza un incontro pubblico con la gente del posto per scusarsi dell'incidente e spiegare che gli Stati Uniti stanno combattendo la guerra per il bene degli afghani, la folla diventa ostile e chiede a McMahon e alle sue truppe di andarsene.

In seguito McMahon viene a sapere che l'articolo di Cullen è stato pubblicato e si rende conto che dipinge un'immagine negativa di lui e del suo staff, che parlano apertamente contro il Presidente e gestiscono male lo sforzo bellico. Il Presidente convoca McMahon a Washington. Sapendo che sarà licenziato per le sue azioni, McMahon torna a Washington e in seguito accetta un lavoro come consulente civile.

In seguito, Cullen riflette sulle conseguenze del suo articolo, osservando che avrebbe voluto che la caduta di McMahon convincesse finalmente il governo a smettere di invadere paesi stranieri e a porre fine alla guerra in Afghanistan. Invece, il governo assegna semplicemente un nuovo generale per sostituire McMahon.

Tipologia

Film

Durata

123 minuti

Regista

David Michôd

Cast

Anthony Michael Hall Brad Pitt Emory Cohen John Magaro Scoot McNairy Topher Grace Will Poulter

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Narcos
The Wolf of Wall Street
La battaglia di Jadotville
Autobiografia di un finto assassino