La grande scommessa streaming disponibile da settembre 2016

Immagine tratta da La grande scommessa
    130 minuti

Vengono raccontate tre storie separate ma parallele della crisi immobiliare statunitense del 2005. Michael Burry, un eccentrico ex medico diventato gestore di fondi speculativi Scion Capital con un occhio solo, ha abbandonato il tradizionale abbigliamento da ufficio per indossare pantaloncini, piedi nudi e un taglio di capelli alla Supercuts. Ritiene che il mercato immobiliare statunitense sia costruito su una bolla che scoppierà nei prossimi anni. L'autonomia all'interno dell'azienda permette a Burry di fare ampiamente ciò che vuole, quindi Burry si propone di scommettere contro il mercato immobiliare con le banche, che sono più che felici di accettare la sua proposta per qualcosa che non è mai accaduto nella storia americana. Le banche credono che Burry sia un pazzo e quindi sono sicure di vincere l'affare. Jared Vennett della Deutschebank viene a conoscenza di ciò che Burry sta facendo e, in qualità di investitore, crede di poter trarre vantaggio dalle convinzioni di Burry.

Il film è noto per le tecniche non convenzionali con cui spiega gli strumenti finanziari. Tra gli altri, vi sono apparizioni in cameo dell'attrice Margot Robbie, dello chef Anthony Bourdain, della cantautrice Selena Gomez e dell'economista Richard Thaler, che rompono la quarta parete per spiegare concetti come i mutui subprime e le obbligazioni sintetiche di debito collateralizzate. Diversi personaggi del film si rivolgono direttamente al pubblico, soprattutto quello di Gosling, che funge da narratore.

The Big Short è uscito in versione limitata negli Stati Uniti l'11 dicembre 2015, seguito da un'ampia distribuzione il 23 dicembre da parte di Paramount Pictures. Successo commerciale e di critica, il film ha incassato 133 milioni di dollari a fronte di un budget di 50 milioni e ha ricevuto consensi per le interpretazioni del cast (in particolare quella di Bale), la regia, il montaggio e la sceneggiatura di McKay. Il film ha vinto il premio Oscar per la migliore sceneggiatura non originale, oltre alle nomination per il miglior film, la migliore regia, il miglior attore non protagonista (Bale) e il miglior montaggio.

4,5
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Il film è composto da tre storie separate ma concomitanti, vagamente collegate dalle loro azioni negli anni precedenti al crollo del mercato immobiliare del 2007.

Nel 2005, l'eccentrico gestore di hedge fund Michael Burry scopre che il mercato immobiliare degli Stati Uniti, basato su mutui subprime ad alto rischio, è estremamente instabile. Prevedendo il crollo del mercato nel secondo trimestre del 2007, con l'aumento dei tassi di interesse dei mutui a tasso variabile, propone di creare un mercato di credit default swap, che gli consenta di scommettere contro, o di vendere allo scoperto, i titoli garantiti da mutui ipotecari basati sul mercato, a scopo di lucro.

La sua scommessa a lungo termine, che supera il miliardo di dollari, viene accettata dalle principali banche d'investimento e commerciali, ma richiede il pagamento di ingenti premi mensili. Questo fa sì che il suo principale cliente, Lawrence Fields, lo accusi di "sprecare" il capitale mentre molti clienti gli chiedono di fare marcia indietro e vendere, ma Burry si rifiuta. Sotto pressione, alla fine limita i prelievi, facendo arrabbiare gli investitori e Fields fa causa a Burry. Alla fine il mercato crolla e il valore del suo fondo aumenta del 489% con un profitto complessivo (anche tenendo conto degli enormi premi) di oltre 2,69 miliardi di dollari, di cui 489 milioni solo per Fields.

Jared Vennett (basato su Greg Lippmann), il dirigente responsabile del trading globale di titoli garantiti da attività presso Deutsche Bank, è uno dei primi a comprendere l'analisi di Burry, apprendendo da uno dei banchieri che ha venduto a Burry un credit default swap anticipato. Utilizzando la sua borsa per verificare che Burry ha molto probabilmente ragione, decide di entrare nel mercato, guadagnando una commissione dalla vendita degli swap alle aziende che trarranno profitto quando le obbligazioni sottostanti falliranno. Una telefonata sbagliata mette in allarme il gestore di fondi hedge FrontPoint Partners Mark Baum (basato su Steve Eisman), che è motivato ad acquistare swap da Vennett a causa della sua scarsa considerazione dell'etica e dei modelli di business delle banche. Vennett spiega che l'impacchettamento dei mutui subprime in obbligazioni di debito collateralizzate (CDO) con rating AAA ne garantirà il collasso finale.

Conducendo un'indagine sul campo nel sud della Florida, il team di FrontPoint scopre che i broker ipotecari traggono profitto vendendo i loro contratti di mutuo alle banche di Wall Street, che pagano margini più alti per i mutui più rischiosi, creando la bolla. Questa conoscenza spinge il team di FrontPoint ad acquistare degli swap da Vennett.

All'inizio del 2007, quando questi prestiti iniziano ad andare in default, i prezzi dei CDO in qualche modo aumentano e le agenzie di rating si rifiutano di declassare i rating delle obbligazioni. Baum scopre i conflitti di interesse e la disonestà delle agenzie di rating grazie a un conoscente di Standard & Poor's. Vennett invita il team all'American Securitization Forum di Las Vegas, dove Baum apprende da un manager di CDO che il mercato per l'assicurazione delle obbligazioni ipotecarie, compresi i "CDO sintetici" che sono scommesse a favore delle obbligazioni ipotecarie difettose, è significativamente più grande del mercato dei prestiti ipotecari stessi, portando un inorridito Baum a rendersi conto che l'intera economia mondiale è destinata a crollare.

Mentre le obbligazioni subprime continuano a crollare, Baum viene a sapere che anche Morgan Stanley, sotto il cui ombrello opera FrontPoint, aveva assunto posizioni corte sui derivati ipotecari. Tuttavia, per compensare il rischio e i premi mensili, aveva acquistato derivati ipotecari con un rating più elevato. Ora che anche questi stanno crollando di valore, Morgan Stanley si trova ad affrontare gravi problemi di liquidità. Nonostante le pressioni del suo staff affinché venda la sua posizione prima che Morgan Stanley crolli, Baum si rifiuta di vendere fino a quando l'economia non sarà sull'orlo del collasso, guadagnando oltre 1 miliardo di dollari nei suoi swap. Nonostante ciò, Baum si lamenta del fatto che le banche, così come il governo, non ammettano le cause del crollo dell'economia, dando invece la colpa a "immigrati e poveri".

I giovani investitori Charlie Geller e Jamie Shipley gestiscono una piccola società chiamata Brownfield Capital (basata sulla Cornwall Capital). Scoprono casualmente una presentazione di marketing di Vennett su un tavolino nell'atrio di una grande banca d'investimento (i personaggi si rivolgono al pubblico affermando che in realtà avevano sentito parlare del piano di Vennett attraverso il passaparola di amici e parenti), convincendoli a investire negli swap, in quanto si tratta di una strategia che si adatta alla loro strategia di acquisto di assicurazioni a basso costo con grandi vincite potenziali. Al di sotto della soglia di capitale per un ISDA Master Agreement necessaria per effettuare operazioni come quelle di Burry e Baum, si avvalgono dell'aiuto di Ben Rickert, un trader di titoli in pensione con sede a Singapore. Quando il valore delle obbligazioni e dei CDO aumenta nonostante le insolvenze, Geller sospetta che le banche abbiano commesso una frode. Il trio visita anche l'American Securitization Forum, dove scopre che la SEC non ha regolamenti per monitorare l'attività dei titoli garantiti da ipoteca. Riescono a ottenere un profitto ancora maggiore rispetto a Burry e Baum, vendendo allo scoperto i titoli ipotecari con rating AA, considerati altamente stabili e con un rapporto di payout molto più alto.

In seguito, con l'aumento delle insolvenze, il valore dei CDO e delle obbligazioni ipotecarie non cambia e si rendono conto che le banche e le agenzie di rating stanno mantenendo il valore dei CDO per poterli vendere e vendere allo scoperto prima dell'inevitabile crollo. Inorriditi, cercano di informare la stampa dell'imminente disastro e della frode dilagante, ma un giornalista del Wall Street Journal espone il suo personale conflitto di interessi e non vuole ascoltare per non mettere in pericolo le sue relazioni con le banche d'investimento di Wall Street. Quando il mercato inizia a crollare, Ben, in vacanza in Inghilterra, vende i loro swap. Alla fine, i due trasformano il loro investimento di 30 milioni di dollari in 80 milioni, ma la loro fiducia nel sistema viene meno quando Ben li informa delle gravi conseguenze per il pubblico.

Jared Vennett riceve un bonus di 47 milioni di dollari per tutte le sue vendite di swap. Mark Baum si sente più tranquillo a causa delle conseguenze finanziarie e il suo staff continua a gestire il fondo. Charlie Geller e Jamie Shipley prendono strade diverse dopo aver tentato senza successo di fare causa alle agenzie di rating: Charlie si trasferisce a Charlotte per mettere su famiglia e Jamie continua a gestire il fondo. Ben Rickert torna alla sua tranquilla pensione. Michael Burry chiude il suo fondo dopo le reazioni dell'opinione pubblica e i molteplici controlli dell'Agenzia delle Entrate, investendo ora solo in titoli d'acqua.

Il personale delle banche responsabili della crisi sfugge a qualsiasi conseguenza per le proprie azioni, con la sola eccezione di un trader. Si noti che dal 2015 le banche stanno vendendo nuovamente i CDO con una nuova etichetta: "Bespoke Tranche Opportunity".

Tipologia

Film

Durata

130 minuti

Regista

Adam McKay

Cast

Brad Pitt Christian Bale Finn Wittrock Hamish Linklater Jeremy Strong John Magaro Marisa Tomei Melissa Leo Rafe Spall Ryan Gosling Steve Carell

Caratteristiche

Intellettuale Da una storia vera Da un libro Acclamato dalla critica Contro il sistema Corale Premiato agli Oscar BAFTA Classico moderno Cinema d'autore Commedia cupa Film di Hollywood Brillante Corruzione Truffe Questioni sociali Dramedy

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Il lato positivo
Non è mai troppo tardi
The Family Man
28 giorni