Orange Is the New Black streaming disponibile da ottobre 2015

Immagine tratta da Orange Is the New Black
      7 stagioni

Orange Is the New Black è una serie drammatica di Netflix basata sull'omonimo libro. Liberamente basata sulle memorie di Piper Kerman, la serie segue la sua detenzione in un carcere femminile.

Partendo da una trentenne yuppie, Piper Chapman (Taylor Schilling) ha tutto: una laurea in un college prestigioso, un lavoro comodo nella produzione di saponi artigianali e un fidanzato fedele in Larry Bloom (Jason Biggs). Ma tutto crolla quando Alex Vause (Laura Prepon), membro di un giro internazionale di droga, viene processata. Alex era la fidanzata di Piper al college e Piper è diventata complice quando ha trasportato una valigia piena di soldi, una volta. Condannata a 15 mesi per i suoi crimini, Chapman deve scambiare la sua vita a New York con un soggiorno nell'istituto penitenziario federale di Litchfield con un gruppo eterogeneo di detenuti, ognuno con la sua storia: una mafiosa russa (Kate Mulgrew), una donna ispanica (Dascha Polanco) il cui primo atto è quello di farsi schiaffeggiare dalla madre arrabbiata, una donna trans che ha commesso una frode con carta di credito per finanziare le sue operazioni (Laverne Cox) e altri ancora, per non parlare della sua nemesi personale, Alex.

Ogni episodio è uno sguardo sulla vita al Litch. Chapman è il personaggio principale, al centro dei flashback che raccontano la sua vita prima della prigione, ma il più delle volte uno degli altri detenuti condivide i riflettori. La politica della vita carceraria domina la maggior parte degli episodi e Piper deve farsi strada nel suo mondo di lavoro, strutture di potere, minacce di morte e lesbiche. E c'è sempre da pensare ai veri e propri secondini.

Debuttando nel 2013, la serie è durata sette stagioni, di 13 episodi ciascuna, che si sono concluse nel 2019. Con 91 episodi, attualmente detiene il record di programmazione originale di Netflix più lunga.

Da non confondere con Blood Is the New Black o con la morale arancione che sostituisce la morale nera.

Nel 2016, Orange Is the New Black è stata la serie originale più vista e più longeva di Netflix. È stata ampiamente acclamata per tutta la sua durata e ha ricevuto molti riconoscimenti. Per la sua prima stagione, la serie ha ottenuto 12 nomination ai Primetime Emmy Award, tra cui Outstanding Comedy Series, Outstanding Writing for a Comedy Series e Outstanding Directing for a Comedy Series, vincendone tre. Una nuova regola degli Emmy nel 2015 ha costretto la serie a cambiare categoria da commedia a dramma. Per la sua seconda stagione, la serie ha ricevuto quattro nomination agli Emmy, tra cui Outstanding Drama Series, e Uzo Aduba ha vinto come Outstanding Supporting Actress in a Drama Series. Orange Is the New Black è la prima serie ad aver ottenuto una nomination agli Emmy sia nella categoria commedia che in quella drammatica. La serie ha ricevuto anche sei nomination ai Golden Globe Award, sei nomination ai Writers Guild of America Award, un Producers Guild of America Award, un American Film Institute Award e un Peabody Award.

4,6
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

La serie inizia ruotando intorno a Piper Chapman (Taylor Schilling), una trentenne che vive a New York e che viene condannata a 15 mesi nel penitenziario di Litchfield, un carcere federale femminile di minima sicurezza a nord di New York. Chapman è stata condannata per aver trasportato una valigia piena di soldi per la droga per conto della sua fidanzata Alex Vause (Laura Prepon), una trafficante internazionale di droga. Il reato era stato commesso 10 anni prima dell'inizio della serie e in quel periodo Chapman era passata a una vita tranquilla e rispettosa della legge nell'alta borghesia di New York. La sua improvvisa e inaspettata incriminazione sconvolge i rapporti con il fidanzato, la famiglia e gli amici. In prigione, Chapman si riunisce a Vause (che aveva fatto il nome di Chapman nel suo processo, causandone l'arresto) e i due riesaminano il loro rapporto. Allo stesso tempo, Chapman, insieme agli altri detenuti, cerca di affrontare i numerosi problemi che la prigione comporta. Gli episodi sono spesso caratterizzati da flashback di eventi significativi del passato di diversi detenuti e guardie carcerarie. Questi flashback in genere raccontano come un detenuto è arrivato in prigione o sviluppano la storia di un personaggio. La prigione è inizialmente gestita dal "Federal Department of Corrections" (una versione fittizia del Federal Bureau of Prisons) e in una stagione successiva è stata acquisita dalla Management & Correction Corporation (MCC), una società carceraria privata.

La quinta stagione mostra i detenuti in rivolta contro le guardie, i guardiani e il sistema dopo il fallimento della gestione da parte dell'MCC della morte di un detenuto per mano di una guardia nella quarta stagione. La morte del detenuto era seguita a una protesta pacifica e alla successiva istigazione di una rissa tra detenuti da parte di un'altra guardia. Alimentata dalle condizioni che i detenuti sono costretti a tollerare e dal rancore nei confronti delle guardie, si scatena una rivolta di tre giorni. Durante la rivolta, alcuni detenuti cercano di negoziare condizioni di vita migliori e di ottenere giustizia per la morte del detenuto, mentre altri perseguono i propri interessi e divertimenti e alcuni non vogliono essere coinvolti. All'inizio della rivolta, la guardia che aveva scatenato la rissa nella stagione precedente viene ferita gravemente da un detenuto che ha preso la pistola che la guardia aveva portato illegalmente nel carcere. Alla fine della stagione, la SWAT fa irruzione nel carcere per porre fine alla rivolta e far uscire tutti i detenuti dalla struttura. Durante l'incursione, un agente penitenziario viene ferito a morte da una "squadra d'assalto" corrotta, che poi cospira per incolpare della morte della guardia alcuni detenuti che si erano nascosti in un bunker sotterraneo, trovato da un detenuto, e avevano preso in ostaggio la guardia. Tutti i detenuti vengono trasportati in altre prigioni.

Le conseguenze della rivolta vengono mostrate nella sesta stagione. Alcuni detenuti, tra cui Chapman e Vause, vengono trasportati al carcere di massima sicurezza di Litchfield. La maggior parte di questi detenuti viene interrogata e molti di loro vengono accusati e condannati per il loro coinvolgimento nella rivolta. Nel carcere di massima sicurezza, vengono introdotti nuovi detenuti, vengono strette alleanze ed emerge una guerra tra bande tra due blocchi di carcerati, guidata da una faida di lunga data tra due sorelle e dal rancore che nutrono nei confronti di un'ex detenuta di massima sicurezza tornata in seguito alla rivolta (era stata trasferita nel carcere di minima sicurezza). I detenuti arrivati dal carcere di minima sicurezza vengono coinvolti o partecipano volontariamente alla guerra tra i blocchi del carcere. La stagione ritrae ulteriori episodi di corruzione e brutalità delle guardie.

La settima stagione mette fine alle storie di diversi detenuti. Chapman e Vause continuano la loro relazione "on/off". La stagione mostra come alcuni detenuti siano in grado di andare oltre il periodo trascorso in carcere, mentre altri sono catturati dal sistema e, a causa dei loro stessi difetti e/o dei problemi sistemici della struttura della società statunitense e del suo sistema giudiziario, non riescono a progredire. Oltre all'ambientazione consolidata di Litchfield Max, una parte significativa della stagione si svolge in un centro di detenzione ICE di recente creazione per presunti immigrati clandestini detenuti, mostrando le loro difficoltà e la mancanza di accesso ad aiuti esterni, in gran parte a causa della totale o estrema noncuranza della legge.

Nel corso della serie, viene mostrato come varie forme di corruzione, i tagli ai finanziamenti da parte dell'azienda proprietaria per aumentare i profitti di milioni, la privatizzazione del carcere, il sovraffollamento, la brutalità delle guardie e la discriminazione razziale (tra gli altri problemi) incidano sulla sicurezza, la salute e il benessere dei detenuti, sulla vita degli agenti di custodia e sull'incapacità della prigione di adempiere alle sue fondamentali responsabilità legali e ai suoi obblighi etici come istituto di correzione. Uno dei conflitti principali dello show coinvolge il Direttore delle Attività Umane del carcere di minima sicurezza (alias il direttore, secondo la nomenclatura della privatizzazione), Joe Caputo, i cui sforzi e obiettivi come direttore sono costantemente in conflitto con gli interessi aziendali della MCC, che acquisisce il penitenziario di Litchfield quando rischia di chiudere. Questo tema continua quando una nuova direttrice lungimirante e premurosa viene assunta al penitenziario di massima sicurezza di Litchfield e, a differenza di Caputo, istituisce programmi educativi e cambiamenti positivi. Viene licenziata per queste azioni e per il suo atteggiamento nei confronti della corruzione aziendale, anche se i suoi cambiamenti di breve durata hanno risultati profondi.

Gadget per Lovers

Tipologia

Serie TV

Stagioni

7

Autori

Jenji Kohan

Cast

Adrienne C. Moore Amanda Fuller Dale Soules Danielle Brooks Dascha Polanco Elizabeth Rodriguez Emma Myles Henny Russell Jackie Cruz Jason Biggs Jessica Pimentel Kate Mulgrew Laura Gómez Laura Prepon Laverne Cox Lea DeLaria Lori Petty Mackenzie Phillips Matt McGorry Michael Harney Natasha Lyonne Nick Sandow Pablo Schreiber Ruby Rose Samira Wiley Selenis Leyva Taryn Manning Taylor Schilling Uzo Aduba Vicci Martinez Vicky Jeudy Yael Stone

Caratteristiche

LGBTQ Irriverente Spiritoso Da una storia vera Da un libro Acclamato dalla critica TV Carcere Amicizia Corale Umorismo inglese Premiato agli Emmy Amiche Commedia cupa Colonna sonora famosa Dramedy

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Glow
Una mamma per amica: Di nuovo insieme
Insatiable
Eastsiders

Recensione

Orange Is The New Black è fra i più preziosi gioielli della corona Netflix, che nel giro di poco più di un paio d'anni è entrata di diritto nell'Olimpo delle serie TV.

Ispirata alla storia vera di Piper Kerman, narrata nel libro Orange Is the New Black: My Year in a Women's Prison, la serie TV racconta di Piper Chapman (interpretata da Taylor Schilling), una trentenne borghese che viene condannata a scontare quindici mesi al carcere federale femminile di Litchfield per aver trasportato, dieci anni prima, una valigia piena di soldi di provenienza illecita per Alex Vause (Laura Prepon), una trafficante di droga internazionale al tempo sua amante. Quando il passato torna a galla, Piper vive una vita agiata, con il suo nuovo fidanzato Larry Bloom (Jason Biggs).
Dietro le sbarre, Piper rincontra Alex alla quale, nonostante un iniziale astio, si riavvicina. In carcere convivono tante altre donne, le cui storie vengono raccontate tramite l'utilizzo di flashback.

Con Orange Is The New Black si ha inizialmente una serie che verte più nel comedy, ma che con le varie stagioni si è trasformata in una vera e propria dramedy, soprattutto nella quarta stagione in cui si ha molto “black” e poco “orange”.
Fra i vari personaggi, troviamo Red (Kate Mulgrew), una russa a capo della cucina della prigione che gode di un potere notevole; Nicky (Natasha Lyonne), una ragazza lesbica cresciuta con una madre assente e cinica che non si è curata di lei quando è entrata nel tunnel della droga e la sua quasi-fidanzata Morello (Yael Stone) che sta pianificando il matrimonio perfetto col suo ragazzo fuori dalla carcere. Troviamo poi Sophia Burset (Laverne Cox), una ragazza trans, sposata e con un figlio, che è finita dentro per una frode con carte di credito e che tutti i giorni deve fare i conti con un sistema carcerario che non si cura delle necessità mediche delle detenute. C'è poi Suzanne “Crazy Eyes” (Uzo Aduba) una ragazza di colore non molto stabile a livello mentale ma di un'umanità semplicemente genuina.

Nella prima stagione, la storia si basa soprattutto sul punto di vista di Piper. Raccontando la sua vita dietro le sbarre, vengono raccontate anche le storie di tutte le altre detenute: donne afroamericane, sudamericane, giovanissime e anziane, le cui vite si intrecciano all'interno del penitenziario.

Nella seconda stagione il focus si sposta, con l'arrivo di un personaggio forte come Vee (Lorraine Toussaint), sul gruppo nelle afroamericane. Vee, “madre” adottiva di Taystee (Danielle Brooks), raduna sotto di se tutte le ragazze di colore e prende praticamente il potere all'interno del carcere, avviando anche una guerra (non tanto) fredda con la sua ex amica-rivale Red.

Arriviamo alla terza stagione, che mostra, in modo particolare verso la seconda metà, un andamento un po' fiacco: anche i personaggi più tosti subiscono in qualche modo un “rammollimento”; comunque, in linea generale, tutta la stagione mostra crolli psicologici delle detenute, una fra tutte Alex. Controcorrente va il personaggio di Piper: il carcere l'ha profondamente cambiata; ci troviamo un lupo solitario, mette su un business illecito e diventa una vera e propria gangster, avventurandosi anche in un tradimento che le costerà caro.

Siamo infine alla quarta stagione che ha un punto di forza notevole: vengono raccontate, in tutte le puntate, a piccole dosi, le storie di tutte le detenute, senza soffermarsi troppo su nessuna.
La stagione in questione è molto più dura, soprattutto per l'arrivo di nuove guardie e nuove detenute. Emergono i lati emotivi e molto più profondi di tutte le detenute; si scava parecchio dentro tutti i vari personaggi. Alcune detenute si redimono, tornano sui loro passi e cambiano profondamente, una fra tutte la stessa Piper, che dopo aver raggiunto l'apice della sua follia, rinsavisce quando si rende conto di aver superato il limite e di aver perso tutto. Questo la fa riavvicinare ad Alex. Se Piper si redime, altre perdono la testa, si veda Maria e Daya, che tirano fuori un lato duro e senza scrupoli.
Uno dei punti focali della stagione 4 riguarda di sicuro i soprusi delle guardie verso le detenute: il nuovo capo Piscatella prende di mira Red, e i suoi sottoposti non sono da meno. Colpisce in modo particolare l'episodio della povera Maritza, costretta a cedere ad un “gioco” per nulla divertente.
Fra dure e redente, ci sono comunque quei personaggi che malgrado tutto sembrano vivere la loro vita in carcere in modo tranquillo, come Pousséy (Samira Wiley) e SoSo (Kimiko Glenn) che sono l'esempio perfetto: innamorate, sognano innocentemente il loro futuro una volta fuori. Vecchie amicizie si rafforzano come quella fra Dogget (Taryn Manning) e BigBoo (Lea DeLaria).
Si arriva al finale di stagione, che ha shockato il pubblico: un evento inaspettato, straziante rimescola tutte le carte in tavola nella storia e di sicuro destabilizzerà gli eventi e soprattutto (come si vede nell'ultima scena) i personaggi stessi.



Una serie che coinvolge, ti rapisce e soprattutto è una serie di denuncia: denuncia al sistema giudiziario e carcerario corrotto degli USA: detenute che non sono tutelate, rispettate né come donne, né come esseri umani. OITNB è anche divertente, grazie a personaggi e situazioni che smorzano i toni drama. Soprattutto abbiamo una serie che parla di umanità, dove anche l'assassina più pericolosa viene vista semplicemente come una persona, come un essere umano.