Seinfeld streaming disponibile da ottobre 2021

Immagine tratta da Seinfeld
      9 stagioni

Seinfeld, una sitcom creata da Jerry Seinfeld e Larry David andata in onda sulla NBC dal 1989 al 1998, è una serie che... non parla di nulla, ma è uno degli show più popolari mai realizzati.

Seinfeld era incentrato su un quartetto di protagonisti comici, indifferenti ed egocentrici, ossessionati dalle minuzie della vita moderna. Inizialmente nato come uno speciale televisivo dal titolo The Seinfeld Chronicles nel 1989 e poi trasformato in una serie completa l'anno successivo, è durato nove stagioni e si è concluso solo quando Jerry Seinfeld stesso ha rifiutato di continuare, anche dopo che gli erano stati offerti 5 milioni di dollari a episodio per una decima stagione. Nel 2002 Seinfeld è stato nominato il più grande programma televisivo di tutti i tempi da TV Guide.

Lo stile comico dello show era rivoluzionario per l'epoca, in quanto l'idea che i personaggi passassero interi episodi a fare e risolvere praticamente nulla, con tutto l'umorismo basato su eventi di vita quotidiana e sulle loro discussioni intorno a protocolli sociali insignificanti (da molti soprannominati "conversazione seinfeldiana"), era inaudita nel 1989 in America. Seinfeld fu talmente rivoluzionario in America che fu copiato senza pietà.

Rimane molto difficile descrivere alle nuove generazioni quanto sia stato grande lo show negli anni '90 e quanto siano diventate memetiche le sue trame e i suoi modi di dire. Per usare un'analogia, Seinfeld è per gli show televisivi quello che Il Padrino è per i film (ed è giusto che lo show abbia preso in giro direttamente Il Padrino in un episodio). Parte di ciò che ha contribuito all'autenticità del tema "sul nulla" è stato il fatto che gran parte delle trame erano basate su storie personali della vita di Larry David, Jerry Seinfeld e di vari membri del team di scrittura.

Seinfeld interpreta una versione romanzata e stronza di se stesso come personaggio apparentemente principale (anche se in pratica probabilmente meno interessante), che funge soprattutto da contrappunto per il suo eccentrico vicino di casa Cosmo Kramer (Michael Richards), che aveva la tendenza a irrompere nell'appartamento di Jerry senza preavviso; il suo migliore amico George Costanza (Jason Alexander), una caricatura simile a Larry David che può far sembrare il solito Protagonista Comico Insofferente un vincitore; e la sua impertinente ex-fidanzata Elaine Benes (Julia Louis-Dreyfus), che non saprebbe scrivere "tatto" nemmeno se la sua vita dipendesse da questo. Jerry era l'unico uomo sano di mente tra queste variopinte personalità, ma altamente inefficace perché, come i suoi amici, è estremamente indifferente nei confronti degli altri, optando invece per il ruolo di Deadpan Snarker straordinario. Questa qualità di Jerry, condita con il dono dell'ironia del co-creatore Larry David, unita alla propensione dei personaggi per le bugie a palla di neve e i complotti alla Fawlty Towers, è ciò che alimenta la maggior parte delle trame elaborate ma assolutamente banali degli episodi. Questo li rendeva anche insolitamente crudeli per gli standard delle sitcom, dato che più di una volta si ritrovavano a fare cose spiacevoli a spettatori innocenti a causa della complessità della storia.

Anche se nessuno dei personaggi lavorava insieme, viveva insieme o era legato da vincoli di sangue e anche se - o forse proprio perché - non sono mai stati mostrati momenti di amicizia emotiva o deliberatamente toccanti tra loro, i quattro sono rimasti molto amici per tutta la durata dello show, trascorrendo gran parte delle loro ore di veglia in compagnia l'uno dell'altro e apparentemente seguendo una regola non detta di spazzare sempre via le piccole offese dei loro amici e di non infliggersi mai offese gravi l'un l'altro al fine di preservare lo Status Quo della vita reale è Dio - una delle uniche regole sociali che si preoccupavano di seguire.

E poi c'è l'altro vicino di Jerry. "Ciao, Newman (Wayne Knight)".

La settima stagione della serie Curb Your Enthusiasm di Larry David (che, per coincidenza, è nata come uno speciale una tantum prima di diventare uno show completo un anno dopo, e comunque un decennio dopo Seinfeld) è stata incentrata sulla creazione da parte di Larry di un episodio di reunion nell'universo di Seinfeld, con Seinfeld, Alexander, Louis-Dreyfus, Richards e Knight che hanno ripreso i loro ruoli, oltre a interpretare versioni romanzate di loro stessi. In seguito, la serie web di Jerry, Comedians in Cars Getting Coffee, ha avuto una mini-reunion speciale con lui, Alexander e Knight che recitavano nel loro personaggio.

Come comico in ascesa alla fine degli anni '80, a Jerry Seinfeld si presentò l'opportunità di creare uno show con la NBC. Chiese a Larry David, comico e amico, di aiutarlo a creare una premessa per una sitcom. La serie fu prodotta da West-Shapiro Productions e Castle Rock Entertainment e distribuita da Columbia Pictures Television. Fu scritta in gran parte da David e Seinfeld, con sceneggiatori che includevano Larry Charles, Peter Mehlman, Gregg Kavet, Carol Leifer, David Mandel, Jeff Schaffer, Steve Koren, Jennifer Crittenden, Tom Gammill, Max Pross, Dan O'Keefe, Charlie Rubin, Marjorie Gross, Alec Berg, Elaine Pope e Spike Feresten. La serie, molto apprezzata dalla critica, è stata in testa agli ascolti Nielsen nella sesta e nella nona stagione e si è classificata tra le prime due (insieme a ER della NBC) ogni anno dal 1994 al 1998. Solo altri due show, I Love Lucy e The Andy Griffith Show, hanno terminato le loro stagioni in testa agli ascolti.

Seinfeld è ampiamente considerata una delle sitcom più grandi e influenti di tutti i tempi. È stata classificata tra le migliori serie televisive da pubblicazioni come Entertainment Weekly, Rolling Stone e TV Guide. Tra i suoi episodi più famosi ci sono "Il ristorante cinese", "Il nazista della zuppa", "Il parcheggio", "Il biologo marino" e "Il concorso". Nel 2013, la Writers Guild of America l'ha votata come la seconda serie televisiva meglio scritta di tutti i tempi (seconda a I Soprano). E! l'ha definita la "ragione numero 1 per cui gli anni '90 hanno regnato" e le citazioni di numerosi episodi sono diventate dei tormentoni nella cultura popolare.

4,9
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

La serie è stata spesso descritta come "uno show sul nulla". Tuttavia, nel 2014 Seinfeld ha dichiarato: "La proposta per lo show, la vera proposta, quando io e Larry andammo alla NBC nel 1988, era che volevamo mostrare come un comico ottiene il suo materiale. Lo show sul nulla è stata solo una battuta in un episodio molti anni dopo, e io e Larry ancora oggi siamo sorpresi che abbia preso piede come modo in cui le persone descrivono lo show, perché per noi è l'esatto contrario". David ha commentato allo stesso modo: "Mi piace prendere le peggiori qualità di una persona e cercare di farne qualcosa di divertente. Non è forse vero che tutti fanno cose terribili e hanno pensieri terribili? Cercando di essere divertente, si affrontano molte cose reali, quindi lo show parla di qualcosa. L'idea che lo spettacolo non parli di nulla è ridicola". Gran parte dell'umorismo dello show si basa sull'uso ripetuto dell'ironia, dell'incongruenza e delle coincidenze (spesso sfortunate).

Seinfeld ha infranto diverse convenzioni della televisione tradizionale. A Larry David va il merito di aver rifiutato di seguire la prevedibile formula della sitcom che prevede lo sviluppo di una relazione romantica tra Jerry ed Elaine. Lo show non offre alcuna crescita o riconciliazione ai suoi personaggi e rifugge dal sentimentalismo. Un episodio è tipicamente guidato dall'umorismo, intervallato dai conflitti superficiali di personaggi dall'indole particolare. Molti episodi ruotano intorno al coinvolgimento dei personaggi nelle vite degli altri, con risultati tipicamente disastrosi. Sul set, l'idea che i personaggi non debbano svilupparsi o migliorare nel corso della serie è stata espressa come la regola "niente abbracci, niente apprendimento". Inoltre, a differenza della maggior parte delle sitcom, non ci sono momenti di pathos; il pubblico non viene mai fatto sentire in pena per nessuno dei personaggi. Persino la morte di Susan in "The Invitations" non suscita emozioni genuine in nessuno dei personaggi. Seinfeld non si esime dal rendere leggeri argomenti difficili, dalla morte alla malattia alla disabilità.

I personaggi sono "single trentenni con identità vaghe, senza radici e con una consapevole indifferenza alla morale". Le convenzioni abituali, come l'isolamento dei personaggi dagli attori che li interpretano e la separazione del mondo dei personaggi da quello degli attori e del pubblico, sono state infrante. Un esempio è l'arco narrativo in cui i personaggi promuovono una sitcom televisiva di nome Jerry. Lo show nello show, Jerry, era molto simile a Seinfeld in quanto "non parlava di niente" e Seinfeld interpretava se stesso. La fiction Jerry è stata lanciata nel finale della quarta stagione ma, a differenza di Seinfeld, non è stata ripresa come serie. Jerry è uno dei tanti esempi di metafiction presenti nello show. Ci sono ben ventidue film di finzione, come Rochelle, Rochelle. Grazie a questi diversi elementi, Seinfeld è diventata la prima serie televisiva dopo Monty Python's Flying Circus a essere ampiamente descritta come postmoderna.

Jerry Seinfeld è un fan accanito di Abbott e Costello e ha citato The Abbott and Costello Show come un'influenza su Seinfeld. "Tutti nello show sanno che sono un loro fan. Scherziamo sempre sul fatto che facciamo cose del loro show. Io e George spesso facciamo un riff che ha il ritmo dei vecchi show di Abbott e Costello. E a volte colpisco George sul petto come Abbott colpirebbe Costello". La serie contiene numerosi riferimenti alla squadra. Il secondo nome di George Costanza è "Louis", come Costello. L'episodio "Il vecchio" presenta un personaggio irascibile chiamato "Sid Fields" come tributo al padrone di casa dello show televisivo della squadra. L'amico di Kramer si chiama Mickey Abbott. Un copywriter per il catalogo J. Peterman si chiama Eddie Sherman, come l'agente di lunga data della squadra. Nell'episodio 30, Kramer sente la famosa battuta di Abbott e Costello: "Suo padre era un fanghino. Sua madre era una fanghiglia".

Tipologia

Serie TV

Stagioni

1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Autori

Jerry Seinfeld Larry David

Cast

Estelle Harris Heidi Swedberg Jason Alexander Jerry Seinfeld Jerry Stiller Julia Louis-Dreyfus Michael Richards Wayne Knight

Caratteristiche

Irriverente Spiritoso Classico Acclamato dalla critica TV Sitcom Corale Adorabili sfigati Premiato ai Golden Globe Premiato agli Emmy New York Commedia

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Friends
The Big Bang Theory
Jerry Seinfeld: I'm Telling You for the Last Time
Jerry Seinfeld: Comedian