Gomorra streaming nuovamente disponibile da giugno 2022

Immagine tratta da Gomorra
    131 minuti

Potere, denaro e sangue: questi sono i "valori" che i residenti della provincia di Napoli e Caserta devono affrontare ogni giorno. Non hanno quasi mai la possibilità di scegliere e sono quasi sempre costretti a obbedire alle regole del "sistema", la camorra. Solo pochi fortunati possono pensare di condurre una vita "normale". Cinque storie si intrecciano in questo scenario violento, ambientato in un mondo crudele e apparentemente immaginario, ma profondamente radicato nella realtà.

Il film è stato distribuito in Italia il 16 maggio 2008 e presentato in anteprima in Nord America al Toronto International Film Festival l'11 settembre 2008, per poi essere distribuito a New York e Los Angeles il 13 febbraio 2009. Ha ricevuto il plauso della critica, vincendo il Grand Prix al Festival di Cannes 2008 e sette David di Donatello, tra cui quelli per il miglior film e la miglior regia (per Garrone). Ha vinto anche cinque premi agli European Film Awards 2008.

L'omonima serie televisiva del 2014 si basa vagamente sullo stesso libro, ma non è collegata al film.

3,7
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Napoli, estate 2004. Alcuni delinquenti si rilassano in un centro abbronzatura. Un omicidio tra i clan della camorra dei Di Lauro che governano Scampia-Secondigliano scatena la cosiddetta Faida di Scampia (in realtà la guerra è iniziata nell'ottobre 2004 e si è conclusa nel settembre 2005 con l'arresto di Paolo Di Lauro) che fa da sfondo all'intero film. La Faida scoppia tra i membri della cosca Di Lauro e i cosiddetti scissionisti, guidati da Raffaele Amato, fratello di due degli uomini uccisi nella scena iniziale.

Il film intreccia cinque storie separate di persone le cui vite sono state toccate dalla criminalità organizzata.

Don CiroDon Ciro è un timido intermediario che distribuisce denaro alle famiglie dei membri del clan Di Lauro imprigionati. Dopo che la faida si sviluppa all'interno del clan, subisce un'imboscata da parte di una coppia di secessionisti arrabbiati durante una consegna. Temendo per la sua vita, si offre di disertare dalla loro parte. I due rifiutano la sua offerta e dicono a Ciro che deve "pagare" per la sua vita vendendo alcuni dei suoi ex soci. Ciro li conduce nel luogo in cui gli viene consegnato il denaro da distribuire. I due fanno irruzione nel locale, uccidendo tutti tranne Ciro, e prendono la maggior parte dei soldi, lasciandone un po' sul tavolo per Ciro. Ciro, ancora sporco di sangue, si allontana da diversi cadaveri verso un futuro incerto.

TotòTotò è un ragazzo di 13 anni che consegna la spesa e assiste all'abbandono da parte di alcuni spacciatori di un sacchetto di droga e di una pistola mentre sfuggono alla polizia a Sette Palazzi a Scampia. Restituisce gli oggetti alla banda e chiede di entrare a farne parte. La sua iniziazione in una caverna consiste nel farsi sparare mentre indossa un giubbotto antiproiettile come prova di coraggio. Con l'intensificarsi della faida, alle famiglie del quartiere la cui lealtà è sospetta viene ordinato di trasferirsi o di subire violenze; i membri della banda di Totò ricevono minacce simili. Più tardi, mentre si trova con la sua banda per le strade di Scampia, uno di loro viene ucciso in una sparatoria. I membri della banda decidono di difendere la loro posizione e di vendicarsi in modo violento scegliendo come prossima vittima una donna, Maria, il cui figlio si è unito a un clan di secessionisti di Secondigliano. Totò, che ha consegnato la spesa a Maria, è costretto ad attirarla fuori dal suo appartamento, dove i suoi compagni la giustiziano.

RobertoRoberto è un laureato che lavora nella gestione dei rifiuti. Il suo capo, Franco, fornisce un servizio di smaltimento di rifiuti tossici a basso costo che consente agli industriali del nord di smaltire materiali come il cromo e l'amianto nelle campagne del sud Italia. Franco e Roberto orchestrano lo smaltimento illegale dei rifiuti in cave abbandonate e altri siti sensibili dal punto di vista ambientale. Durante una di queste operazioni, un fusto di sostanze chimiche tossiche viene accidentalmente rovesciato su un autista. Franco si rifiuta di chiamare un'ambulanza e assume dei bambini per guidare i camion quando gli operai si rifiutano di continuare il loro lavoro. In seguito, Franco e Roberto incontrano una famiglia di contadini che, nel disperato tentativo di estinguere i propri debiti, decide di permettere l'interramento di sostanze chimiche nella propria campagna. Un anziano contadino regala a Roberto un cesto di pesche, ma Franco gli dice di buttarle via perché sono contaminate. Roberto decide quindi di lasciare il suo lavoro e dice a Franco che non può permettersi di avvelenare la terra, al che Franco risponde che non deve pensare di essere l'uomo migliore, perché ha risolto i problemi causati da altri e ha permesso alle persone di ripagare i loro debiti. Roberto cammina da solo su una strada di campagna desolata.

PasqualePasquale è un sarto di alta moda che lavora per Iavarone, un proprietario di una fabbrica di abbigliamento legato alla camorra. Pasquale accetta un lavoro notturno di formazione per i lavoratori cinesi dell'abbigliamento. Poiché sono in concorrenza con le aziende controllate dalla Camorra, i cinesi lo accompagnano al lavoro nel bagagliaio della loro auto. Il suo lavoro segreto viene però scoperto e i suoi soci cinesi vengono uccisi in una sparatoria. Sopravvive all'attacco, ma si dimette dal lavoro. Più tardi, mentre lavora come autista di camion, si trova in un bar dove vede Scarlett Johansson in TV che indossa uno dei suoi abiti. Sorride ironicamente mentre si allontana.

Marco e Ciro aka Sweet PeaMarco e Ciro sono due giovani aspiranti gangster che cercano di gestire il loro piccolo racket indipendentemente dal clan locale. Impressionati dalle rappresentazioni mafiose dei film hollywoodiani, i due citano battute e mettono in scena spontaneamente scene di Scarface nella villa di Walter Schiavone, facendo riferimenti a Tony Montana, Miami e ai cartelli della droga colombiani. Il loro primo colpo è la rapina di immigrati africani durante un acquisto di droga all'Hotel Boomerang di Castel Volturno. La notizia dell'incidente arriva al capo della mafia locale, che li convoca e li avverte sotto minaccia di violenza di non ripetere questo comportamento in futuro. Ignorandolo completamente, i due spiano dei gangster della Camorra che nascondono una scorta di armi. Rubano le armi e si divertono a sparare colpi in riva all'estuario di un canale dei Regi Lagni nella palude. Una volta finiti i soldi, usano le armi per rapinare una sala giochi e spendono i fondi rubati in uno strip club. I gangster, infuriati, li trovano e minacciano di ucciderli se non restituiscono le armi entro un giorno. I due si dimostrano ostinati. Zio Vittorio, uno dei gangster locali, li avvicina in un bar proponendo loro di lavorare per lui. Offre loro 10.000 euro se restituiranno le armi e uccideranno Peppe 'O Cavallaro, in realtà lo zio Bernardino. I due accettano il contratto, che si rivela una trappola: Giovanni, Bernardino, Vittorio e altri cadono in un'imboscata e vengono uccisi nel luogo del loro presunto obiettivo, uno stabilimento balneare abbandonato vicino alla foce del canale dei Regi Lagni. L'ultima scena mostra i loro cadaveri trasportati da un caricatore frontale.

Tipologia

Film

Durata

131 minuti

Regista

Matteo Garrone

Cast

Anna Sarnelli Antonio Aiello Francesco Pirozzi Gianfelice Imparato Italo Renda Salvatore Abruzzese Salvatore Ruocco Simone Sacchettino Toni Servillo Vincenzo Altamura Vincenzo Caso Vincenzo Fabricino

Caratteristiche

Intellettuale Crudo realismo Ad alto impatto visivo Da un libro Acclamato dalla critica Film Thriller Criminalità organizzata Tesori nascosti Corruzione Dramma Italiano

Audio

Italiano

Sottotitoli

Italiano
Potrebbero interessarti...
Lo chiamavano Jeeg Robot
Smetto quando voglio: Masterclass
Romanzo criminale
Smetto quando voglio