Chaos streaming disponibile da giugno 2021

Tormentata dal senso di colpa dopo aver assistito all'aggressione di una prostituta, Hélène trascura i suoi doveri familiari per aiutare la donna ferita e spaventata.

3,3
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Paul ed Hélène, una ricca coppia parigina, si preparano a uscire per la serata. Mentre guidano, vedono tre uomini che inseguono una prostituta per strada. La donna li implora di salvarla facendola entrare in macchina, ma Paul chiude le portiere e si allontana mentre i tre uomini la picchiano selvaggiamente, lasciandola svenuta in strada. Si rifiuta di lasciare che Hélène chiami un'ambulanza, temendo di essere accusato di non aver soccorso una persona in pericolo (che è un reato in Francia).

Hélène non riesce a dimenticare l'incidente e il giorno dopo si reca in ospedale, dove trova la prostituta Noémie in coma. Commossa, Hélène interrompe il lavoro e lascia le sue responsabilità familiari per stare accanto a Noémie per tutta la durata della sua convalescenza, assistendola mentre recupera la mobilità e aiutandola a comunicare visto che non può ancora parlare. Quando uno dei protettori torna a minacciare e a picchiare Noémie per sottometterla, Hélène lo segue fuori dall'ospedale, lo stordisce con un'asse di legno e lo lascia alla polizia.

Nel frattempo, Fabrice, il figlio di Paul ed Hélène, studente universitario, tradisce la sua ragazza con un'altra, che è incinta. Quando la sua ragazza scopre la verità, distrugge il suo appartamento. Fabrice si trasferisce nell'appartamento di Paul proprio mentre Hélène se ne va e le due ragazze lo seguono, con grande disappunto di Paul.

Quando Hélène torna a casa per un giorno, uno dei protettori di Noémie si reca all'ospedale con un amico e porta via Noémie con la scusa che si tratta di parenti che la portano a fare una passeggiata. Noémie, che non riesce ancora a parlare, non può protestare. Capendo quello che è successo, Hélène li segue, avvicina i protettori per strada e porta Noémie a casa della madre di Paul. Lì Noémie recupera la capacità di parlare e spiega la storia della sua vita:

In realtà si chiama Malika ed è figlia di poveri immigrati franco-algerini. A 17 anni, suo padre tentò di venderla in un matrimonio combinato e lei fuggì. Fu raccolta per strada da un pappone, di nome Touki, che la vendette in schiavitù sessuale e la fece diventare eroina. Convinse Touki a trasferirsi a Parigi per parlare con la matrigna e recuperare il suo passaporto. La sua famiglia la cacciò di casa e lei pensò di lasciarsi alle spalle la sua vita di prostituzione forzata. Passata la sbornia, aprì un conto con il passaporto di sua sorella Zora per mettere da parte un po' di soldi. Ha provato a rivolgersi a SOS Racisme per chiedere aiuto, ma è stata respinta. Si trasferisce a Ginevra e seduce un uomo ricco, convincendolo con l'inganno a darle tutti i suoi soldi e i suoi gioielli, poco prima che lui muoia. Lei e Touki tornarono a Parigi con il denaro. Tuttavia, la famiglia del ricco uomo si rivolse alla stampa affermando che i loro soldi erano stati rubati dalla banca. I suoi protettori scoprirono che aveva riciclato il denaro per sé e la picchiarono per farle firmare una delega. La donna scappò, mentre Touki e gli altri due papponi la inseguivano; fu allora che Hélène e suo marito la incontrarono nella loro auto all'inizio.

Le due donne pianificano la libertà di Malika e la sua vendetta nei confronti dei suoi abusatori. Hélène dice a Malika che è stato suo marito a chiudere le portiere della loro auto durante l'aggressione, ma a Malika non importa. Più tardi, riesce a distrarre Paul all'aeroporto di Basilea, che sta cercando la sua Hélène, e fa sesso con lui. Tutti e tre riescono a prendere lo stesso volo per tornare a Parigi, con Malika che mantiene le distanze per evitare la polizia. Hélène finalmente si oppone all'egoismo del marito e del figlio. Paul si innamora perdutamente di Malika e impazzisce quando lei non lo chiama. Anche Fabrice la incontra e se ne innamora.

Hélène e Malika fanno in modo che i papponi e la loro banda vengano arrestati dalla polizia. Touki viene ucciso dopo aver tentato di fuggire. Malika torna dalla sua famiglia che l'ha abbandonata e dice a sua sorella, Zora, che sarà costretta a sposarsi non appena sarà abbastanza grande, proprio come lo era Malika alla sua età. Per salvarla da una vita di miseria patriarcale, prega la sorella di venire con lei a vivere in libertà, ma lei rifiuta, dicendo che li ama.

Malika incontra nuovamente Paul e lo porta a casa di sua madre. Quando Zora viene picchiata dai suoi fratelli sessisti, suo padre le rivela che presto si sposerà con un uomo più grande. Malika ed Hélène si precipitano a Marsiglia e impediscono al padre di Malika di mandare Zora a un matrimonio forzato. Il padre la maledice e lei risponde che è la prima volta che le dà qualcosa. Il film si conclude con Malika, Hélène, Zora e la madre di Paul sedute su una panchina a guardare il sole.

Tipologia

Film

Durata

108 minuti

Regista

Coline Serreau

Cast

Aurélien Wiik Catherine Frot Chloé Lambert Ivan Franek Line Renaud Marie Denarnaud Michel Lagueyrie Rachida Brakni Vincent Lindon Wojciech Pszoniak

Caratteristiche

Acclamato dalla critica Film Crime Matrimonio Immigrazione Amicizia Parigi Premio César Dramma Superare le avversità Francese

Audio

Francese [originale]

Sottotitoli

Greco Inglese Francese Croato Italiano
Potrebbero interessarti...
Il Divo
Reprise
Due vite in gioco
La banda Olsen e il tesoro sommerso