La vita è bella streaming disponibile da settembre 2022

Immagine tratta da La vita è bella
  111 minuti

Guido, un cameriere affascinante ma pasticcione, dotato di una fantasia colorata e di un irresistibile senso dell'umorismo, ha conquistato il cuore della donna che ama e ha creato una bella vita per la sua giovane famiglia. Ma poi quella vita viene minacciata dalla Seconda Guerra Mondiale e Guido deve fare affidamento su quelle stesse forze per salvare l'amata moglie e il figlio da un destino impensabile.

Il film è stato un successo commerciale e di critica travolgente. Ha ricevuto ampi consensi, con la critica che ne ha lodato la storia, le interpretazioni, la regia e l'unione di dramma e commedia, nonostante alcune critiche per l'utilizzo del soggetto a fini comici. Il film ha incassato oltre 230 milioni di dollari in tutto il mondo, di cui 57,6 milioni negli Stati Uniti, è il secondo film in lingua straniera che ha incassato di più negli Stati Uniti (dopo La tigre e il dragone) e uno dei film in lingua non inglese che ha incassato di più in assoluto. Il National Board of Review lo ha inserito tra i cinque migliori film stranieri del 1998.

Il film ha vinto il Grand Prix al Festival di Cannes del 1998, nove David di Donatello (tra cui quello per il miglior film), cinque Nastro d'Argento in Italia, due European Film Awards e tre Academy Awards, tra cui quello per il miglior film straniero e quello per il miglior attore per Benigni, il primo per un'interpretazione maschile non inglese.

4,5
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Nel 1939, nell'Italia fascista, Guido Orefice è un giovane ebreo italiano che arriva a lavorare nella città di Arezzo, in Toscana, dove suo zio Eliseo lavora nel ristorante di un hotel. Guido è comico e acuto e si innamora di una ragazza gentile di nome Dora. In seguito, la rivede in città dove lei è un'insegnante e sta per fidanzarsi con Rodolfo, un ricco ma arrogante funzionario del governo locale con cui Guido si scontra regolarmente. Guido organizza molti incidenti "casuali" per dimostrare il suo interesse per Dora.

Alla fine, Dora vede l'affetto e la promessa di Guido e cede, contro il suo buon senso. Ruba la signora alla sua festa di fidanzamento, su un cavallo, umiliando il fidanzato e la madre. In seguito si sposano, hanno un figlio, Giosuè, e gestiscono una libreria.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1944, quando il Nord Italia è occupato dalla Germania nazista, Guido, suo zio Eliseo e Giosuè vengono sequestrati il giorno del compleanno di Giosuè. Insieme a molti altri ebrei sono costretti a salire su un treno diretto a un campo di concentramento. Dopo aver parlato con una guardia di suo marito e suo figlio e dopo essersi sentita rispondere che non c'è nessun errore, Dora si offre volontaria per salire sul treno e stare vicino alla sua famiglia.

Tuttavia, poiché nel campo uomini e donne sono separati, Dora e Guido non si vedono durante l'internamento. Guido compie diverse acrobazie, come usare l'altoparlante del campo per inviare messaggi, simbolici o letterali, a Dora per assicurarle che lui e il figlio sono al sicuro. Eliseo viene ucciso in una camera a gas poco dopo il loro arrivo. Giosuè evita per un soffio di essere gassato, perché odia fare bagni e docce e non ha seguito gli altri bambini quando gli è stato ordinato di entrare nelle camere a gas e gli è stato detto che erano docce.

Nel campo, Guido nasconde al figlio la vera situazione. Guido dice a Giosuè che il campo è un gioco complicato in cui deve eseguire i compiti che Guido gli assegna. Ogni compito gli farà guadagnare dei punti e chi arriverà per primo a mille punti vincerà un carro armato. Gli dice che se piange, si lamenta di volere la mamma o dice di avere fame, perderà punti, mentre i ragazzi tranquilli che si nascondono dalle guardie del campo guadagnano punti extra. Giosuè a volte è riluttante ad accettare il gioco, ma Guido lo convince ogni volta a continuare.

A un certo punto Guido approfitta dell'apparizione di ufficiali tedeschi in visita e delle loro famiglie per mostrare a Giosuè che altri bambini si nascondono come parte del gioco, e approfitta anche del fatto che una tata tedesca pensa che Giosuè sia uno dei suoi figli per dargli da mangiare mentre Guido serve gli ufficiali tedeschi. Guido e Giosuè vengono quasi scoperti come prigionieri da un altro servitore, fino a quando Guido non viene scoperto mentre insegna a tutti i bambini tedeschi come dire "Grazie" in italiano, fornendo di fatto uno stratagemma.

Guido mantiene questa storia fino alla fine quando, nel caos della chiusura del campo con l'avvicinarsi delle forze alleate, dice a suo figlio di rimanere in una scatola finché tutti non se ne saranno andati, essendo questo l'ultimo compito della competizione prima di ottenere il carro armato promesso. Guido va a cercare Dora, ma viene catturato da un soldato tedesco. Un ufficiale ordina l'esecuzione di Guido, che viene portato via dal soldato. Mentre si avvia alla morte, Guido passa accanto a Giosuè per l'ultima volta e gli fa l'occhiolino, ancora nel personaggio e nel gioco. Guido viene poi fucilato e lasciato morto in un vicolo.

Il mattino seguente, Giosuè esce dal box, proprio mentre arriva un'unità dell'esercito americano guidata da un carro armato Sherman e il campo viene liberato. Giosuè è felicissimo di aver vinto la partita (non sapendo che suo padre è morto), pensando di aver vinto il carro armato e un soldato americano permette a Giosuè di salire sul carro armato.

Durante il viaggio verso la salvezza, Giosuè scorge subito Dora nel corteo che lascia il campo e si ricongiunge con sua madre. Mentre il giovane Giosuè racconta entusiasta alla madre di aver vinto un carro armato, come gli aveva promesso il padre, l'adulto Giosuè, in un monologo ascoltato, ricorda i sacrifici fatti dal padre per lui e la sua storia.

Tipologia

Film

Durata

111 minuti

Regista

Roberto Benigni

Cast

Amerigo Fontani Giorgio Cantarini Giuliana Lojodice Giustino Durano Horst Buchholz Marisa Paredes Nicoletta Braschi Roberto Benigni Sergio Bini Bustric

Caratteristiche

Emozionante Sentimentale Acclamato dalla critica Film Strappalacrime Militare Storico Anni '30 Dramedy Sulla sopravvivenza Italiano

Audio

Italiano [originale]

Sottotitoli

Italiano
Potrebbero interessarti...
Mediterraneo
Gomorra
Lo chiamavano Jeeg Robot
Suburra