Agneepath streaming disponibile da aprile 2020

Immagine tratta da Agneepath
  174 minuti

Il film è ispirato alla vita di un gangster di Mumbai, Manya Surve. Il titolo è tratto da un'omonima poesia intitolata Agneepath, scritta da Harivansh Rai Bachchan, il padre di Amitabh, che viene recitata all'inizio del film e crea un legame tematico che continua per tutto il film, sia in senso letterale che metaforico.

Agneepath è diventato un film di culto nel corso degli anni. Amitabh Bachchan ha ricevuto il suo primo National Film Award come miglior attore al 38° National Film Awards per la sua interpretazione. Alla 36° edizione dei Filmfare Awards, Mithun Chakraborty e Rohini Hattangadi hanno vinto rispettivamente il premio come miglior attore e miglior attrice non protagonista. Il film, nonostante sia stato il quarto maggior incasso del 1990, ha avuto incassi molto inferiori al suo alto budget e quindi non ha avuto successo al botteghino. Il film è stato rifatto nel 2012 con lo stesso titolo da Karan Johar, figlio di Johar, come tributo al padre.

3,3
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

L'amato maestro di scuola del villaggio Dinanath Chauhan (Alok Nath) si oppone fermamente ai piani di Kancha Cheena, un donatore della malavita (Danny Dengzongpa) e della sua banda di gangster di creare una base per il contrabbando di eroina. Dopo essere stato screditato in uno scandalo organizzato da Kancha e dal proprietario del villaggio Dinkar Rao (Goga Kapoor), Dinanath viene linciato a morte dagli abitanti del villaggio manipolati e la sua famiglia viene sfrattata e resa indigente, a tutto vantaggio di Cheena. Giurando vendetta per l'omicidio del padre e il tentato stupro della madre Suhasini Chauhan (Rohini Hattangadi) rimasti impuniti, e con il desiderio ardente di riabilitare il nome del padre, il figlio Vijay Dinanath Chauhan (Amitabh Bachchan) si assume la responsabilità di prendersi cura della madre e della sorella Siksha (Neelam) che, per uno strano scherzo del destino, lo porta a scendere nel ventre oscuro della malavita di Mumbai. I gangster Hasmukh (Arvind Rathod), Usman Bhai (Avtar Gill) e Anna Shetty (Deepak Shirke) lo prendono sotto la loro ala. Facendosi strada nella scala gerarchica, Vijay cresce fino a raggiungere la notorietà come boss della malavita.

Vijay viene avvertito dal commissario di polizia M.S. Gaitonde (Vikram Gokhale) (che, pur essendo critico nei suoi confronti, nutre una certa simpatia per lui) di un possibile attentato alla sua vita da parte dei suoi ex capi dopo che si è rifiutato di collaborare alle loro operazioni di contrabbando di droga. Tuttavia, Vijay respinge le preoccupazioni di Gaitonde, affermando di essere già al corrente dell'attentato e di voler lasciare che si compia senza alcun attacco preventivo o resistenza. L'auto di Vijay cade in un'imboscata dei suoi capi, che gli sparano diversi colpi. Lasciato morire, viene scoperto da un venditore di cocco tamilano, Krishnan Iyer M.A. (Mithun Chakraborty), che lo trasporta in ospedale e gli salva la vita, diventando suo amico e trovando poi lavoro come guardia del corpo di Siksha. Durante la sua permanenza in ospedale, Vijay viene assistito dall'infermiera Mary Matthew (Madhavi). Il commissario Gaitonde deduce che Vijay ha sostanzialmente giocato d'azzardo lasciando che l'attentato avesse luogo per elevarsi a semidio nella percezione dei suoi seguaci, facendo fuggire i suoi nemici per mettersi al riparo. Mentre si sta riprendendo in ospedale, Krishnan salva Vijay dall'ennesimo tentativo di assassinio per mano dei suoi capi, facendolo uscire di nascosto dal suo letto.

Vijay vendica il suo tentativo di assassinio prendendo di mira gli assassini uno per uno. Inizia uccidendo Hasmukh e Usman Bhai, che si trovano in prigione dopo essersi arresi alla polizia per sfuggire all'ira di Vijay. La madre di Vijay disapprova fortemente le sue tendenze criminali e rimane separata da lui con Siksha. Una sera, quando Vijay arriva per una cena, sua madre lo allontana da casa dopo averlo rimproverato per aver infangato il buon nome di suo padre. Vijay, ferito e sconvolto, cerca conforto tra le braccia di Mary e inizia una relazione con lei. Siksha viene poi rapita e tenuta prigioniera in una baraccopoli da Anna Shetty, che vuole vendicare la morte dei suoi soci uccisi da Vijay; un tentativo di salvataggio non riuscito da parte di Krishnan finisce con una rissa tra i due. Vijay lo viene a sapere e arriva a uccidere Anna in preda alla rabbia. Dopo aver picchiato brutalmente Anna, Vijay lo castra con una spada.

L'incontro ravvicinato tra Krishnan e Siksha provoca una crescente intimità tra i due, che si innamorano l'uno dell'altra. Vijay è indignato e protesta con forza contro la relazione con la madre, ma viene nuovamente respinto quando quest'ultima lo ripudia e considera Krishnan il "buon figlio" che aveva un tempo. Colpito e profondamente ferito da questo affronto, Vijay cerca conforto in Mary e in seguito la sposa, decidendo di fare le cose "nel modo giusto" per ottenere il favore di sua madre.

Dopo aver stretto un accordo con Kancha Cheena per consentirgli l'accesso al suo vecchio villaggio, Vijay mette in atto una serie di strategie che mettono in crisi le operazioni criminali di Cheena e gli consentono di ottenere la proprietà legale del villaggio. Uccide lo scagnozzo di Kanchas, Gora (Bob Christo), inviato dal primo per assassinare il commissario Gaitonde. Fa in modo che Dinkar Rao venga linciato per mano degli abitanti del villaggio, sviliti e impoveriti, in modo simile a quello in cui fu ucciso suo padre. La vendetta è un piatto che va servito freddo: Vijay informa Cheena della sua identità di figlio di Dinanath Chauhan, fa finire Cheena in prigione e fa in modo che l'amante di Cheena, Laila (Archana Puran Singh), testimoni contro Kancha in tribunale. Laila si rivela essere Shanti, la figlia della prostituta che ha aiutato a incastrare il maestro Dinanath per screditarlo, e ha lavorato con Vijay per tutto il tempo per tornare da Kancha. Vijay restituisce il villaggio alla madre e torna a godere del suo favore, ma Cheena si assicura il suo rilascio facendo in modo che i testimoni vengano uccisi e che la famiglia di Vijay venga rapita e tenuta in ostaggio. Questa è la goccia che fa traboccare il vaso per Vijay, che è costretto a tornare alla sua vita criminale e a percorrere la "Via del Fuoco" per salvarli. Si scatena una lotta violenta e sanguinosa: Cheena bombarda ogni edificio e demolisce l'intero villaggio prima di essere ucciso da Vijay, che lo getta nelle fiamme e lo brucia vivo. Tuttavia, Vijay soccombe alle varie ferite da proiettile inflittegli da Kancha. Mentre muore in grembo alla madre nel luogo in cui sorgeva la vecchia casa della sua famiglia, Vijay cerca di giustificare la vita che ha scelto e le azioni che ha commesso; afferma di aver percorso l'"Agneepath", il "sentiero del fuoco" (personificando la poesia di suo padre che gli era stata insegnata da bambino), per ottenere giustizia per la sua famiglia e insiste sul fatto di non essere un criminale. Sua madre piange il suo corpo con dolore insieme a Krishnan, Siksha e Mary, ma alla fine lo perdona e riconosce che non è mai stato un criminale.

Tipologia

Film

Durata

174 minuti

Regista

Mukul Anand

Cast

Alok Nath Amitabh Bachchan Archana Puran Singh Danny Denzongpa Madhavi Mithun Chakraborty Neelam Rohini Hattangadi Tinnu Anand Vikram Gokhale

Caratteristiche

Emozionante Bollywood Crime Legami familiari Premiato National Film Award Filmfare Awards Dramma Indiano

Audio

Hindi [originale]

Sottotitoli

Arabo Tedesco Inglese Spagnolo Francese Italiano Cinese Semplificato
Potrebbero interessarti...
Lakshya
Don 2
Don
Gumrah