14 vette: scalate ai limiti del possibile streaming disponibile da novembre 2021

Immagine tratta da 14 vette: scalate ai limiti del possibile
        101 minuti

L'impavido alpinista nepalese Nimsdai Purja si imbarca in un'impresa apparentemente impossibile: scalare tutte le 14 vette di 8.000 metri del mondo in sette mesi.

Una parte significativa delle riprese è stata realizzata dal team della spedizione, mentre altre immagini e interviste sono state aggiunte in seguito dal regista, tra cui quelle con Reinhold Messner (che ha definito l'impresa "un'affermazione unica nella storia dell'alpinismo"), altri importanti alpinisti d'alta quota e la famiglia di Purja (tra cui la moglie e i fratelli). Il film è stato presentato in anteprima al DOC NYC Film Festival ed è stato distribuito su Netflix il 29 novembre 2021.

3,9
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Il documentario inizia nell'aprile 2019, con Purja che tenta l'Annapurna, statisticamente l'ottomila più pericoloso. Purja si unisce allo scalatore canadese Don Bowie, che ha fallito diverse volte sull'Annapurna. Tuttavia, Purja incoraggia Bowie a partecipare con la sua squadra e i due riescono a raggiungere la vetta il 23 aprile, con Bowie che dice: "Questo ragazzo credeva che ce l'avrebbero fatta e hanno spinto fino in fondo". Il giorno seguente, Purja torna sulla montagna per salvare un alpinista in difficoltà (in seguito identificato come l'alpinista malese Wui Kin Chin) e ha successo (anche se Chin morirà giorni dopo a Singapore). Il salvataggio ha fatto sì che Purja perdesse la sua "finestra meteorologica" per il Dhaulagiri, che la sua squadra raggiunge con il maltempo il 12 maggio. Purja raggiunge poi la vetta del Kanchenjunga il 15 maggio in un'unica tappa di 22 ore, passando per tutti i campi. Durante la discesa dalla vetta, a 8.450 m (27.720 ft) e ancora nella zona della morte, Purja e la sua squadra incontrano due scalatori indiani in difficoltà (in seguito identificati come Kuntal Karar e Biplab Baidya); nonostante la somministrazione di tutto l'ossigeno e l'attesa di 12 ore per i soccorsi che non arrivano mai, uno muore tra le braccia di Purja, mentre l'altro soccombe al campo 4 - Purja subisce l'HACE aiutando un terzo scalatore disperso.

In ritardo sulla tabella di marcia e messo in discussione dopo le morti sull'Annapurna e sul Kanchenjunga, Purja raggiunge la vetta dei tre ottomila vicini, l'Everest il 22 maggio, il Lhotse il 22 maggio e il Makalu il 24 maggio, in un tempo record di 48 ore, scattando una fotografia della grande coda che si era formata all'Hillary Step sull'Everest, che è diventata virale ed è stata ristampata sulla prima pagina del New York Times. Il film torna al periodo precedente l'inizio della scalata, con interviste alla moglie e ai fratelli di Purja sulla sua prima vita e carriera nei Gurkas e nello Special Boat Squadron (SBS), nonché sui sacrifici e sui rischi finanziari che Purja ha corso per creare il Project Possible. Veniamo anche a sapere che sua madre non sta bene e che ha sfiorato la morte a causa di un proiettile di cecchino in faccia mentre era in servizio con l'SBS.

Purja passa poi agli ottomila del Karakorum, raggiungendo la vetta del Nanga Parbat il 3 luglio, ma subendo una caduta di 100 metri durante la discesa, arrestata solo quando è riuscito ad aggrapparsi a una corda fissa casuale che era stata lasciata indietro. Purja racconta alla telecamera: "Mi dico sempre che non morirò oggi. Forse domani, ma non oggi". In seguito raggiunge la vetta del Gasherbrum I il 15 luglio e del Gasherbrum II il 18 luglio. Quando Purja arriva al K2 (uno degli ottomila più pericolosi), il morale al Campo Base è molto basso e l'alto livello di valanghe ha fatto sì che la maggior parte delle squadre si preparasse ad abbandonare la scalata. La squadra di Purja stappa delle bottiglie e organizza una festa per risollevare gli animi. Il giorno successivo, Purja e il suo team iniziano a scalare il K2 e all'una di notte (quando la neve è più dura e stabile) posano le corde fisse nella pericolosa sezione Bottleneck della scalata. Purja raggiunge la vetta del K2 il 24 luglio e, nei due giorni successivi, altri 24 alpinisti utilizzano le corde fisse posate dalla sua squadra per raggiungere la vetta. Due giorni dopo, Purja raggiunge la vetta del Broad Peak il 26 luglio, completando così un'impresa di 23 giorni per scalare i 5 ottomila del Karakorum.

Purja torna di corsa a Kathmandu per stare accanto alla madre che ha subito un infarto. Torna quindi in cima al Cho Oyu il 23 settembre e al Manaslu il 27 settembre. Passa poi alcune settimane a fare pressioni sui politici nepalesi affinché lo aiutino a ottenere un permesso dai cinesi per scalare lo Shishapangma in Tibet, che raggiunge con successo il 29 ottobre 2019. Purja chiama sua madre, ormai in fin di vita, dalla vetta: "Ce l'abbiamo fatta". Più tardi vediamo Purja riunirsi con sua madre e con i media di tutto il mondo per celebrare la conclusione del suo Project Possible.

Tipologia

Documentario

Durata

101 minuti

Regista

Torquil Jones

Cast

Caratteristiche

Avvincente Motivante Ad alto impatto visivo Film Azione e avventura Viaggi e avventura Sport estremi Biografico Adrenalina alle stelle Documentario Spericolato Superare le avversità

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Losers
Senza paura
L'erba del vicino
Counterpunch