Beirut streaming disponibile da giugno 2018

Immagine tratta da Beirut
    110 minuti

Mason Skiles ha avuto una bella vita come diplomatico a Beirut. Lui e sua moglie, Nadia, vivono in una bella casa e fanno da tutor a un ragazzo palestinese di tredici anni di nome Karim. La scena iniziale è una festa che gli Stiles stanno ospitando per altri dignitari. Karim aiuta a servire gli ospiti. Quando un amico della CIA di Mason, Cal, arriva alla festa, è interessato solo a prendere Karim per interrogarlo su un fratello maggiore di cui Mason non sa nulla. Ciò che accade quella sera cambia per sempre la vita di Mason e di molti altri partecipanti alla festa.

Il film è stato presentato in anteprima il 22 gennaio 2018 al Sundance Film Festival ed è stato distribuito negli Stati Uniti l'11 aprile 2018. Ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte della critica, che lo ha definito "coinvolgente nonostante i suoi difetti" e ha elogiato le interpretazioni di Hamm e della Pike.

3,1
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Nel 1972, Mason Skiles è un diplomatico statunitense in Libano e vive a Beirut con la moglie libanese Nadia. Da poco hanno iniziato a prendersi cura di Karim, un ragazzo palestinese di 13 anni che sostiene di essere senza famiglia. Mentre organizza una festa, Skiles viene affrontato dal suo amico, l'agente della CIA Cal Riley, che vuole interrogare Karim, il cui fratello Rafid Abu Rajal è stato collegato al massacro di Monaco del 1972. La festa viene attaccata dal fratello di Karim, Rafid, che rapisce Karim; nello scontro a fuoco che ne segue, Nadia viene uccisa.

Dieci anni dopo, Skiles è diventato un alcolizzato e lavora come arbitro di lavoro autonomo nel New England. Mentre arbitra una questione di lavoro tra parti particolarmente intransigenti e lotta per mantenere a galla il suo piccolo studio, viene avvicinato da Sully, un vecchio cliente, per conto del governo degli Stati Uniti. Sully gli rivela che Skiles è stato richiesto per una conferenza accademica in Libano e gli consegna denaro, un biglietto aereo e un passaporto. Skiles inizialmente si oppone, ma decide di recarsi a Beirut. Incontra diversi funzionari governativi, tra cui l'agente della CIA Donald Gaines, l'agente della CIA Sandy Crowder, il colonnello Gary Ruzak del Consiglio di Sicurezza Nazionale e l'ambasciatore Frank Whalen, e apprende che Cal Riley è stato recentemente rapito in Libano. I rapitori hanno espressamente richiesto Skiles come negoziatore.

Il gruppo incontra i rapitori e scopre che Karim è a capo dell'organizzazione. Karim chiede il rilascio di suo fratello in cambio di Riley, nonostante la protesta degli americani che affermano di non avere Rafid in cattività. Skiles sospetta che Israele stia trattenendo Rafid e si reca con Ruzak per ottenere il suo rilascio. Gli israeliani rivelano di non avere Rafid e Skiles torna a Beirut per incontrare Alice, la moglie di Riley. Alice ritiene Skiles responsabile del rapimento di Riley, credendo che Riley sia rimasto in Libano per il senso di colpa che prova per la morte di Nadia.

Il giorno successivo, mentre Skiles sta tenendo una lezione all'Università americana di Beirut (il motivo ufficiale della sua visita), un'autobomba viene fatta esplodere fuori dall'edificio. Nel caos che ne consegue, Skiles riceve l'ordine di andarsene per incontrare Karim. Karim lo porta da Riley, che di nascosto dice a Skiles che l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) sta trattenendo Rafid e che non ci si può fidare di Gaines. Prima di rilasciare Skiles, Karim minaccia che se Rafid non verrà restituito nel corso della serata, venderà Riley all'Iran. Skiles torna all'appartamento di Riley per cercare indizi, dove incontra Crowder. Quest'ultima rivela che Gaines ha rubato dei soldi dall'ambasciata e che Riley ha fatto un rapporto scritto, ma non l'ha consegnato alle autorità della CIA, poco prima della sua scomparsa. Skiles convince Crowder che l'OLP sta trattenendo Rafid e ruba 4 milioni di dollari dall'ufficio della CIA per scambiarli con Rafid.

Crowder e Skiles conducono un attacco a un ufficiale dell'OLP per forzare uno scambio con Rafid. Dopo aver pagato i suoi rapitori dell'OLP, lo portano allo scambio con Karim. Dopo aver scambiato Riley con Rafid, quest'ultimo viene ucciso da un cecchino del Mossad in un edificio vicino. Gli americani riescono a fuggire. Il cecchino del Mossad è in realtà Bernard, che aveva incontrato Skiles al suo arrivo a Beirut. Bernard incontra Sandrine, l'amante dell'ufficiale dell'OLP che Skiles ha attaccato, anch'essa un agente israeliano, e parte in elicottero. Prima di lasciare Beirut, Skiles viene a sapere che Gaines si è inaspettatamente ritirato e che Ruzak ha lasciato Beirut. Crowder annuncia la sua intenzione di candidarsi per il posto di capo stazione appena vacante e Skiles si offre come negoziatore.

Alla fine del film, vengono mostrati i filmati della successiva invasione israeliana del Libano nel 1982, del crescente coinvolgimento internazionale nel paese e, infine, degli attentati del 1983 all'ambasciata americana e alla caserma del Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

Tipologia

Film

Durata

110 minuti

Regista

Brad Anderson

Cast

Aamina Sheikh Adnan Malik Alon Aboutboul Ben Affan Dean Norris Douglas Hodge Faris Khalid Jon Hamm Jonathan Coyne Kate Fleetwood Larry Pine Leïla Bekhti Mark Pellegrino Rosamund Pike Sanam Saeed Shea Whigham

Caratteristiche

Crudo Acclamato dalla critica Film Azione e avventura Spie Politica Thriller d'azione Corsa contro il tempo Anni '80 Dramma Britannico

Audio

Tedesco Inglese [originale] Italiano

Sottotitoli

Tedesco Inglese Italiano Rumeno
Potrebbero interessarti...
L'autista
Lealtà: L'unica regola di vita
Empire State
Hold the Dark