Hai preso le pillole? streaming disponibile da marzo 2018

Immagine tratta da Hai preso le pillole?
        88 minuti

Ogni epoca ha la droga che si merita. Nell'America di oggi, dove la competizione è incessante, dalla scuola alla forza lavoro, e tutti vogliono avere un vantaggio in termini di prestazioni, l'Adderall e altri stimolanti da prescrizione sono le droghe che definiscono questa generazione.

Tra gli intervistati figurano l'ex giocatore dei Jacksonville Jaguars della NFL Eben Britton e il neuroscienziato Anjan Chatterjee. I produttori esecutivi del film sono Maria Shriver e Christina Schwarzenegger; la prima mondiale è stata presentata al SXSW film festival nel 2018.

2,9
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Il documentario inizia con la presentazione degli intervistati, fornendo alcuni retroscena e il modo in cui sono associati all'Adderall o ai farmaci stimolanti. Il filmato intervista persone provenienti da diversi contesti e fasi della vita, da studenti universitari e bambini, a ex giocatori della NFL, a psicologi. Mentre i professionisti della salute discutono la storia dell'uso degli stimolanti e le loro opinioni, altri intervistati parlano della loro esperienza personale con i farmaci. Ci sono anche alcuni membri della famiglia che parlano di cambiamenti evidenti causati dai farmaci.

Jasper Holt è all'ultimo anno di università e prende l'Adderall da quando gli è stata diagnosticata l'ADHD all'età di sei anni. Ha frequentato una scuola privata che, a suo dire, gli ha consigliato i farmaci. Sua madre era preoccupata che i farmaci avrebbero ostacolato il suo lato creativo, ma lui è ancora molto appassionato di arte. Holt dice di essersi sentito in imbarazzo per l'assunzione del farmaco quando era al liceo e sta cercando di ridurre il dosaggio per smettere di prenderlo.

Delaney è una studentessa universitaria a cui è stato prescritto l'Adderall. Lo descrive come "l'oro delle medicine" che "ricuce" la tua vita. Afferma di averne bisogno per tenere insieme la sua vita; sostiene che altre persone avevano dei tutor al liceo per prepararsi ai test standardizzati, mentre i suoi genitori non potevano permettersi dei tutor e quindi lei è ricorsa all'Adderall. Dice di usarlo per avere una marcia in più rispetto agli altri studenti.

Rahiem è uno studente delle superiori a cui è stata diagnosticata l'ADHD quando era molto giovane. Gli è stato prescritto l'Adderall ed è stato avvisato degli effetti che avrebbe avuto se avesse assunto i farmaci. È stata intervistata soprattutto sua madre, che ha detto di aver visto un notevole miglioramento nel suo comportamento quando prendeva i farmaci.

Eben Britton è un ex giocatore della NFL a cui è stato prescritto l'Adderall. Parla della sua esperienza con il farmaco come utente che ne ha abusato. Ammette di non credere di avere l'ADHD, ma che era solo un modo semplice per avere libero accesso alle droghe per migliorare le sue prestazioni e affrontare il dolore degli infortuni. Sua moglie ha dichiarato che quando ha iniziato a prendere i farmaci tutto sembrava perfetto, aveva il tempo e l'energia per essere un marito e un giocatore della NFL, ma con il passare del tempo ha iniziato a fare un uso eccessivo dei farmaci. Sostiene di essere dipendente dai farmaci solo per essere il migliore in un ambiente molto competitivo.

Blue Williams è un manager di artisti che assume occasionalmente Adderall. Da bambino gli è stata diagnosticata l'ADHD, ma sua madre non gli ha permesso di prendere alcun farmaco perché voleva che si adattasse al mondo. Ora, da adulto, sceglie di usare i farmaci nei giorni in cui ha molto da fare. Afferma che nella vita moderna ci sono molte distrazioni legate alla tecnologia e i giovani adulti interpretano queste distrazioni per credere di avere l'ADHD, il che porta alla diagnosi e alla somministrazione di farmaci.

Corey Herbert è un medico che esercita a New Orleans. Parla dell'argomento degli stimolanti e fa un confronto tra pazienti come Raheim, che hanno bisogno di questi farmaci, e altri che hanno casi leggermente meno gravi.

Wendy Brown è una teorica politica dell'UC Berkeley, che discute i motivi per cui studenti universitari e adulti possono ricorrere agli stimolanti. L'autrice afferma che il mondo è un ambiente ipercompetitivo, dagli studenti che cercano di entrare nelle scuole migliori ai lavoratori che sono costretti a lavorare per molte ore, dove molti non sanno come affrontare o come rimanere al passo con l'uso di farmaci per migliorare le proprie prestazioni.

Martha Farah è una neuroscienziata cognitiva dell'Università della Pennsylvania. Ha parlato della storia dei farmaci psicostimolanti e di alcune controversie. Ha parlato dell'errata convinzione che i farmaci rendano più intelligenti i consumatori e ha affermato che questa teoria è sbagliata.

Anjan Chatterjee è titolare della cattedra di neurologia dell'Università della Pennsylvania. Si sofferma sulle differenze nell'uso delle droghe tra la sua generazione e quella attuale. Esplora la storia dell'uso degli stimolanti. Discute inoltre i pro e i contro dell'uso dei farmaci e l'uso improprio di questi ultimi.

Matthew Piskorz e Lucas Siegel sono i co-fondatori di Alternascript, un'azienda che crea integratori. La loro ideologia è che se gli studenti cercano di fare carriera assumendo farmaci da prescrizione, allora dovrebbero esistere integratori legali che gli altri possano assumere per livellare il campo di gioco.

Tipologia

Documentario

Durata

88 minuti

Regista

Alison Klayman

Cast

Caratteristiche

Intellettuale Film Business Mente e corpo Scienza e tecnologia Provocatorio Documentario Stili di vita Investigativo

Audio

Tedesco Inglese [originale] Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Cowspiracy - Il segreto della sostenibilità ambientale
The Bleeding Edge
Print the Legend
Tony Robbins: I Am Not Your Guru