Per primo hanno ucciso mio padre streaming disponibile da settembre 2017

Immagine tratta da Per primo hanno ucciso mio padre
        137 minuti

La scrittrice cambogiana e attivista per i diritti umani Loung Ung racconta gli orrori subiti sotto il dominio dei micidiali Khmer Rossi. La presentazione in lingua straniera della Cambogia.

Il film è stato presentato al Telluride Film Festival e al Toronto International Film Festival 2017 ed è stato distribuito in tutto il mondo su Netflix il 15 settembre 2017 con un'accoglienza positiva da parte della critica.

3,6
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Durante la guerra del Vietnam, i combattimenti si estendono alla vicina Cambogia quando l'esercito statunitense inizia a bombardare le forze nordvietnamite che tentano di rifugiarsi nel territorio neutrale, dando inizio alla guerra civile cambogiana. Gli Stati Uniti si ritirano dalla Cambogia ed evacuano la loro ambasciata. Un ufficiale delle Forze Armate Nazionali Khmer, Ung, conosciuto come "Pa" dai suoi sette figli, tra cui Loung Ung di 5 anni, esprime il suo rammarico per essersi fidato degli americani mentre i Khmer Rossi si avvicinano.

I Khmer Rossi obbligano tutte le famiglie a lasciare la città come rifugiati, con il pretesto che sarà bombardata dagli americani. Pa Ung nega di lavorare per il governo quando viene interrogato dai soldati Khmer Rossi, sapendo che verrà ucciso se scoperto. La famiglia viene trovata da "Zio" (zio materno di Loung), cognato di Pa, e la famiglia di Loung rimane per qualche tempo presso la famiglia dello Zio. Tuttavia, su insistenza della moglie dello zio, che teme le conseguenze di una scoperta dell'identità di Pa, la famiglia di Loung deve andarsene.

Dopo giorni di viaggio, vengono radunati dai soldati Khmer Rossi e portati insieme ad altri rifugiati in un campo di lavoro, dove devono costruirsi da soli un riparo e sono costretti a lavorare in condizioni durissime. I loro beni vengono confiscati, il cibo scarseggia perché tutti i raccolti vengono inviati alle unità di combattimento e ogni tentativo di procurarsi altro cibo viene punito con pestaggi spietati. Loung è testimone degli spietati pestaggi subiti dai suoi fratelli nel tentativo di procurare più cibo per sé e per la propria famiglia.

Oltre al duro lavoro, il campo predica la propaganda del regime e qualsiasi oggetto straniero (comprese le medicine salvavita) è vietato e comporta una pena di morte. I due fratelli maggiori e la sorella maggiore di Loung vengono riassegnati ad altri campi e poco dopo la sorella muore di malattia e di fame.

Un giorno Loung vede Pa portato via dagli ufficiali dei Khmer Rossi per riparare un ponte. Sapendo cosa lo aspetta, dice addio alla moglie e ai figli. Più tardi, Loung ha un incubo in cui lo vede giustiziato e sepolto in una fossa comune.

Poco dopo, Ma dice a Loung, a suo fratello Kim e a sua sorella maggiore Chou di fuggire in direzioni diverse e di cercare nuovi campi di lavoro sotto falsa identità di orfani. Loung e sua sorella si separano dal fratello e raggiungono un altro campo.

Loung viene reclutato come bambino soldato per i Khmer Rossi. I vietnamiti sono venuti a salvare la Cambogia dai Khmer Rossi. Loung impara il combattimento corpo a corpo, il tiro a segno, la preparazione di trappole e lavora alla posa di campi minati contro i vietnamiti. Ai bambini viene insegnata costantemente la propaganda e l'odio verso i vietnamiti, ma ricevono più cibo e sono trattati meglio dei lavoratori nei campi di lavoro.

Un giorno Loung ottiene un lasciapassare per andare a trovare la sorella nel campo di lavoro, ma si reca invece nel campo in cui sono state abbandonate la madre e la sorella più piccola. Trova la loro capanna vuota e una donna anziana le dice che la sua famiglia è stata portata via dai soldati Khmer Rossi. Quella notte Loung sogna sua madre che giace morta in una fossa comune e sua sorella minore che muore accanto al suo cadavere.

Il campo di Loung viene distrutto dai bombardamenti vietnamiti, costringendola a fuggire insieme ad altri civili. Sulla strada si ricongiunge con suo fratello e sua sorella che si fermano per una notte in un campo profughi temporaneo gestito dalle truppe vietnamite, dove i fratelli si uniscono a un gruppo di bambini. Il mattino seguente, quando il campo viene attaccato dalle forze dei Khmer Rossi, i due si nascondono dietro i vietnamiti in difesa per sfuggire ai combattimenti nella giungla, dove Loung viene separata dai suoi fratelli e assiste alla morte e alla mutilazione di altri rifugiati a causa delle mine che lei stessa ha contribuito a posizionare.

I tre fratelli si riuniscono in un altro campo profughi gestito dalla Croce Rossa. Lì Loung vede delle persone che picchiano un soldato dei Khmer Rossi catturato. Lo vede come se fosse suo padre e le tornano in mente le violenze subite nella sua vita. Quando grida "Pa" all'uomo, gli aggressori si disperdono. Loung guarda l'uomo picchiato e si allontana.

Alla fine della guerra, Loung e i suoi fratelli minori si riuniscono ai loro fratelli maggiori, anch'essi sopravvissuti ai campi. Il film si conclude con tutti i bambini nel presente, che pregano con i monaci per i loro familiari scomparsi tra le rovine di un tempio buddista.

Tipologia

Film

Durata

137 minuti

Regista

Angelina Jolie

Cast

Chenda Run Dara Heng Kimhak Mun Kompheak Phoeung Nika Sarun Nita Sarun Socheata Sveng Sothea Khoun Sreymoch Sareum Sreyneang Oun

Audio

Tedesco Inglese - Audiodescrizione Francese Italiano Khmer

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Beasts of No Nation
La battaglia di Jadotville
Imperial Dreams
Tallulah