Inside Job streaming disponibile da marzo 2017

Immagine tratta da Inside Job
    109 minuti

Dal regista candidato all'Oscar Charles Ferguson ("No End In Sight"), arriva Inside Job, il primo film che svela la scioccante verità dietro la crisi economica del 2008. Il crollo finanziario globale, costato oltre 20.000 miliardi di dollari, ha fatto sì che milioni di persone perdessero la casa e il lavoro. Grazie a ricerche approfondite e a interviste con i principali addetti ai lavori del settore finanziario, politici e giornalisti, Inside Job ripercorre l'ascesa di un'industria disonesta e svela le relazioni corrosive che hanno corrotto la politica, la regolamentazione e il mondo accademico. Narrato dal premio Oscar Matt Damon.

Inside Job è stato acclamato dalla critica cinematografica, che ne ha lodato il ritmo, la ricerca e l'esposizione di materiale complesso. È stato presentato al Festival di Cannes 2010 a maggio e ha vinto l'Oscar 2010 per il miglior documentario.

4,5
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Il documentario è diviso in cinque parti. Inizia esaminando il modo in cui l'Islanda è stata altamente deregolamentata nel 2000 e la privatizzazione delle sue banche. Quando Lehman Brothers fallì e AIG crollò, l'Islanda e il resto del mondo entrarono in una recessione globale. Nel 2005, in occasione della conferenza annuale della Federal Reserve a Jackson Hole, Raghuram Rajan, all'epoca capo economista del FMI, mise in guardia dai rischi crescenti del sistema finanziario e propose politiche che avrebbero ridotto tali rischi. L'ex Segretario del Tesoro statunitense Lawrence Summers definì gli avvertimenti "fuorvianti" e lo stesso Rajan un "luddista". Tuttavia, in seguito alla crisi finanziaria del 2007-2008, le opinioni di Rajan sono state considerate preveggenti ed è stato ampiamente intervistato per questo film.

Il settore finanziario americano è stato regolamentato dal 1941 al 1981, seguito da un lungo periodo di deregolamentazione. Alla fine degli anni '80, una crisi dei risparmi e dei prestiti è costata ai contribuenti circa 124 miliardi di dollari. Alla fine degli anni '90, il settore finanziario si era consolidato in poche aziende giganti. Nel marzo 2000, la bolla azionaria di Internet è scoppiata perché le banche d'investimento hanno promosso società Internet che sapevano sarebbero fallite, causando perdite per 5.000 miliardi di dollari agli investitori. Negli anni '90, i derivati sono diventati popolari nel settore e hanno aggiunto instabilità. Gli sforzi per regolamentare i derivati furono vanificati dal Commodity Futures Modernization Act del 2000, sostenuto da diversi funzionari chiave. Negli anni 2000, il settore era dominato da cinque banche d'investimento (Goldman Sachs, Morgan Stanley, Lehman Brothers, Merrill Lynch e Bear Stearns), due conglomerati finanziari (Citigroup, JPMorgan Chase), tre compagnie di assicurazione cartolarizzate (AIG, MBIA, AMBAC) e tre agenzie di rating (Moody's, Standard & Poor's, Fitch). Le banche d'investimento hanno raggruppato i mutui con altri prestiti e debiti in obbligazioni di debito collateralizzate (CDO), che hanno venduto agli investitori. Le agenzie di rating hanno assegnato a molti CDO un rating AAA. I mutui subprime hanno portato a prestiti predatori. Molti proprietari di case ricevettero prestiti che non avrebbero mai potuto ripagare.

Durante il boom immobiliare, il rapporto tra il denaro preso in prestito da una banca d'investimento e le attività della banca stessa ha raggiunto livelli senza precedenti. Il credit default swap (CDS) era simile a una polizza assicurativa. Gli speculatori potevano acquistare i CDS per scommettere contro i CDO che non possedevano. Numerosi CDO erano sostenuti da mutui subprime. Goldman-Sachs ha venduto CDO per oltre 3 miliardi di dollari nella prima metà del 2006. Goldman ha scommesso anche sui CDO di basso valore, dicendo agli investitori che erano di alta qualità. Le tre principali agenzie di rating hanno contribuito al problema. Gli strumenti con rating AAA sono passati da una manciata nel 2000 a oltre 4.000 nel 2006.

Il mercato dei CDO è crollato e le banche d'investimento si sono ritrovate con centinaia di miliardi di dollari di prestiti, CDO e immobili che non potevano scaricare. La Grande Recessione iniziò nel novembre 2007 e nel marzo 2008 Bear Stearns rimase senza liquidità. A settembre, il governo federale rilevò Fannie Mae e Freddie Mac, che erano sull'orlo del collasso. Due giorni dopo, Lehman Brothers è crollata. Tutte queste entità avevano rating AA o AAA a pochi giorni dal salvataggio. Merrill Lynch, sull'orlo del collasso, è stata acquisita da Bank of America. Henry Paulson e Timothy Geithner decisero che Lehman doveva andare in bancarotta, con conseguente crollo del mercato della carta commerciale. Il 17 settembre, l'insolvente AIG fu rilevata dal governo. Il giorno successivo, Paulson e il presidente della Fed Ben Bernanke chiesero al Congresso 700 miliardi di dollari per salvare le banche. Il sistema finanziario globale si paralizzò. Il 3 ottobre 2008, il presidente George W. Bush firmò il Troubled Asset Relief Program, ma i mercati azionari globali continuarono a scendere. I licenziamenti e i pignoramenti continuarono e la disoccupazione salì al 10% negli Stati Uniti e nell'Unione Europea. Nel dicembre 2008, anche GM e Chrysler rischiarono il fallimento. I pignoramenti negli Stati Uniti raggiunsero livelli senza precedenti.

I massimi dirigenti delle società insolventi se ne sono andati con le loro fortune personali intatte. I dirigenti avevano scelto i loro consigli di amministrazione, che hanno distribuito miliardi di bonus dopo il salvataggio governativo. Le principali banche crebbero di potere e raddoppiarono gli sforzi anti-riforma. Gli economisti accademici hanno sostenuto per decenni la deregolamentazione e hanno contribuito a definire la politica degli Stati Uniti. Si sono opposti alla riforma anche dopo la crisi del 2008. Alcune delle società di consulenza coinvolte erano Analysis Group, Charles River Associates, Compass Lexecon e Law and Economics Consulting Group (LECG). Molti di questi economisti avevano conflitti di interesse, avendo incassato somme come consulenti di aziende e altri gruppi coinvolti nella crisi finanziaria.

Decine di migliaia di operai statunitensi sono stati licenziati. Le riforme finanziarie dell'amministrazione Obama in arrivo erano deboli, e non c'erano proposte significative di regolamentazione delle pratiche delle agenzie di rating, dei lobbisti e dei compensi dei dirigenti. Geithner divenne Segretario del Tesoro. Martin Feldstein, Laura Tyson e Lawrence Summers furono tutti consiglieri economici di Obama. Bernanke fu riconfermato alla presidenza della Fed. Le nazioni europee imposero regolamenti severi sui compensi delle banche, ma gli Stati Uniti resistettero.

Tipologia

Documentario

Durata

109 minuti

Regista

Charles Ferguson

Cast

Matt Damon

Caratteristiche

Acclamato dalla critica Film Politica Business Premiato agli Oscar Provocatorio Documentario Corruzione Truffe Socioculturale

Audio

Tedesco Inglese Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Rainbow Time
Manson Family Vacation
Un crime au paradis
Results