Le conseguenze dell'amore streaming disponibile da ottobre 2020

Immagine tratta da Le conseguenze dell'amore
    104 minuti

Titta di Girolamo ha apparentemente una vita regolare e noiosa, che non ha nulla di strano se non una parte del suo stesso nome (come è solito dire). Vive in un hotel di Lugano (Svizzera) da quasi dieci anni, trascorrendo le sue giornate in attesa di qualcosa che non conosciamo. La sua vita è troppo rigida, troppo distaccata e segue una routine piatta. Titta ignora tutti e probabilmente non prova alcuna emozione. In pratica non ha una storia. Ma un giorno decide, infrangendo tutte le sue regole personali, di scambiare qualche parola con Sofia, la barista dell'hotel. Incredibilmente la situazione cambia, le emozioni, l'amore, la mafia, la morte tornano violentemente nella vita di Titta.

Le conseguenze dell'amore è un film thriller psicologico del 2004 diretto da Paolo Sorrentino. Racconta la storia di un uomo d'affari italiano solitario e riservato che vive in un hotel svizzero. Il film ha partecipato al Festival di Cannes 2004. Ha vinto cinque David di Donatello, tra cui quelli per il miglior film, la miglior regia e il miglior attore. È stato anche il primo film di Sorrentino a ottenere un ampio consenso da parte della critica.

3,8
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Titta Di Girolamo è un solitario di mezza età che ha trascorso gli ultimi otto anni in un hotel di lusso a Lugano, in Svizzera. Ogni giorno indossa il suo abito e si aggira per le strade, evitando il contatto con le persone. Al mattino risolve i rompicapo a scacchi sul giornale e la sera gioca a Grabber con una coppia di aristocratici in bancarotta che si è isolata nell'hotel di cui era proprietaria. Di tanto in tanto telefona alla sua famiglia in Italia, ma la moglie è sempre restia a parlare e i figli ormai grandi lo disprezzano. Prova dei sentimenti per Sofia, la bella ed elegante cameriera del bar dell'hotel, ma si rifiuta di parlarle perché, nella sua timidezza, teme che l'amore complichi la sua vita monotona e tranquilla.

Le ragioni della strana esistenza di Titta diventano gradualmente evidenti. Otto anni fa, si scopre, Titta era un broker che investiva grandi somme di denaro. Un giorno, investì 250 miliardi di lire italiane per conto di Cosa Nostra, perdendone 220 miliardi in poche ore. Per punizione, Titta fu costretto a vivere per il resto della sua vita come pedina della mafia, consegnando regolarmente valigie piene di denaro a una banca svizzera.

L'altro segreto di Titta è che fa uso di eroina. Ogni mercoledì alle dieci del mattino, sale nella sua stanza d'albergo e si inietta la droga.

Un giorno, iniziano ad accadere delle cose: Il fratellastro più giovane e socievole di Titta si fa vivo. Egli incoraggia Titta a impegnarsi di più con Sofia. Più tardi, due mafiosi arrivano improvvisamente nella sua stanza d'albergo, che intendono utilizzare come base per compiere un omicidio. Quando i due gangster se ne vanno, notano la valigia contenente i soldi che Titta deve consegnare quella settimana. Sofia e Titta iniziano una relazione imbarazzante, romantica ma non sessuale. Vanno a fare shopping insieme e Titta le compra delle scarpe.

Nel frattempo, durante il viaggio di Titta in banca quella settimana, il personale della banca che conta i soldi a mano scopre che mancano 100.000 dollari. Titta ne è già al corrente, ma con calma finge di essere disgustato dal loro "errore" e chiede di chiudere il suo conto. Il suo bluff ottiene il risultato sperato: per evitare di offenderlo e, in parte, per paura della mafia, il personale della banca finge di aver sbagliato i conti e il furto non viene denunciato.

Alla fine si scopre che Titta ha rubato i soldi per comprare una macchina costosa per Sofia. Inizialmente la ragazza è sconvolta da questo regalo, poiché ritiene di non conoscerlo abbastanza, ma in seguito si reca nella sua stanza per scusarsi e per cercare di scoprire qualcosa in più su di lui. Titta le rivela tutti i suoi segreti e Sofia è così commossa che si offre di festeggiare con lui il suo 50° compleanno la sera successiva. Lui accetta.

Il giorno dopo, i due assassini mafiosi tornano e rubano la valigia di quella settimana. Titta va nel panico e telefona immediatamente al suo contatto mafioso, Pippo, che gli dice di volare nel Sud Italia quel giorno stesso per dare spiegazioni, ma Titta dice che arriverà tra due giorni perché ha un appuntamento da rispettare. Tuttavia, quando Sofia non si presenta per festeggiare il suo compleanno, uno sconfortato Titta, pensando che nessuno lo ami, parte in anticipo per l'aeroporto. In realtà, Sofia non si presenta perché ha avuto un incidente d'auto e l'ambulanza passa accanto all'auto di Titta mentre sta uscendo dalla città.

Arrivato a destinazione, Titta viene portato in un hotel vicino e, dopo aver atteso in una stanza per gli ospiti, viene interrogato dal capo. Titta spiega di aver recuperato il denaro [in un flashback vediamo che quando il denaro è stato inizialmente rubato dai due uomini, Titta si è ripreso, ha preso la pistola e ha tolto la corrente all'ascensore, costringendoli a usare le scale per fuggire. Questo li ha rallentati e Titta è riuscito a usare l'ascensore per arrivare al parcheggio prima di loro. Si è nascosto nella sua auto e ha ucciso i due quando sono arrivati].

Il boss chiede a Titta perché non ha semplicemente depositato i soldi risparmiandosi un viaggio, ma Titta gli dice che non vuole restituirli perché gli hanno rubato la vita. A questo punto, il boss mafioso dice minacciosamente a un suo sottoposto di trasferire il conto di Titta a qualcun altro prima di chiedere a Titta di dirgli dove sono i soldi. Titta si rifiuta di nuovo. Viene portato via dalle guardie e la mattina dopo viene condotto in un cantiere. Qui viene sospeso da una gru sopra un container di cemento fresco e gli viene detto che se non rivelerà dove si trova il denaro, verrà annegato nel cemento. Poiché ha già dato il denaro agli anziani aristocratici dell'hotel, rifiuta.

Il film si conclude con Titta che viene calato nel cemento e pensa al suo migliore amico Dino, che lavora come elettricista sulle Alpi.

Tipologia

Film

Durata

104 minuti

Regista

Paolo Sorrentino

Cast

Adriano Giannini Antonio Ballerio Diego Ribon Gianna Paola Scaffidi Gilberto Idonea Giovanni Vettorazzo Nino D'Agata Olivia Magnani Toni Servillo Vincenzo Vitagliano

Caratteristiche

Intellettuale Acclamato dalla critica Indipendente Film Thriller Crime Criminalità organizzata Premiato Cinema d'autore Italiano

Audio

Italiano [originale]

Sottotitoli

Italiano
Potrebbero interessarti...
Ordet - La parola
Overcoming
La tragedia del capitano Scott
The Adultress