Il Gladiatore streaming disponibile da maggio 2018

Immagine tratta da Il Gladiatore
  155 minuti

Massimo (Russel Crowe) è un generale militare coraggioso e fedele all'imperatore Marco Aurelio (Richard Harris). La sua lealtà non passa inosservata e l'imperatore si prepara a fare in modo che Massimo gli succeda dopo la sua morte. Ma quando il figlio dell'imperatore, Commodo (Joaquin Phoenix), lo scopre, uccide il padre e ordina la morte di Massimo. Mentre fugge, sua moglie e suo figlio vengono brutalmente uccisi. Finisce quindi schiavo in Nord Africa e viene venduto per diventare un gladiatore. Addestrato da Proximo (Oliver Reed), anch'egli ex gladiatore, Maximus vince ogni battaglia e si ritrova presto inviato a Roma per partecipare ai Giochi Gladiatori. È qui che progetta di vendicarsi e di ottenere la libertà.

Ispirato al libro di Daniel P. Mannix del 1958 Those About to Die (precedentemente intitolato The Way of the Gladiator), la sceneggiatura del film, inizialmente scritta da Franzoni, è stata acquistata da DreamWorks e Ridley Scott ha accettato di dirigere il film. Le riprese principali sono iniziate nel gennaio 1999, prima che la sceneggiatura fosse completata, e si sono concluse nel maggio dello stesso anno, con le scene dell'Antica Roma girate per un periodo di diciannove settimane a Fort Ricasoli, Malta. Gli effetti delle immagini generate al computer del film sono stati creati dalla società di post-produzione britannica The Mill, che ha anche creato una controfigura digitale per le scene rimanenti che coinvolgono il personaggio di Reed, Proximo, a causa della morte di Reed per infarto durante la produzione.

Il Gladiatore è stato presentato in anteprima a Los Angeles il 1° maggio 2000 ed è uscito nelle sale in Australia il 4 maggio, negli Stati Uniti il 5 maggio e nel Regno Unito l'11 maggio. Il film ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte della critica, che ha lodato la recitazione (in particolare le interpretazioni di Crowe e Phoenix), la regia di Scott, le immagini, la sceneggiatura, le sequenze d'azione, la colonna sonora e i valori di produzione. È stato un successo al botteghino: ha incassato 187,7 milioni di dollari negli Stati Uniti e 457 milioni di dollari in tutto il mondo, diventando il secondo film di maggior incasso del 2000. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui cinque alla 73ª edizione degli Academy Awards: Miglior film, Miglior attore per Crowe, Miglior design dei costumi, Miglior suono e Migliori effetti visivi. Ha inoltre ricevuto quattro BAFTA Awards alla 54ª edizione dei British Academy Film Awards per il miglior film, la migliore fotografia, la migliore scenografia e il miglior montaggio. Dopo la sua uscita, al Gladiatore è stato attribuito il merito di aver reinventato il genere "sword-and-sandal" e di aver riacceso l'interesse per l'intrattenimento incentrato sulle culture dell'antica Grecia e di Roma, come la serie televisiva Rome.

Nel 2021, Scott annunciò ufficialmente che era iniziata la stesura di un sequel del film, che sarebbe entrato formalmente in lavorazione dopo il completamento del suo biopic su Napoleone.

4,3
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Nel 180 d.C., il generale ispano-romano Massimo Decimo Meridio intende tornare a casa dopo aver guidato l'esercito romano alla vittoria contro le tribù germaniche nei pressi di Vindobona, sul limes Germanico. L'imperatore Marco Aurelio dice a Massimo che suo figlio, Commodo, è inadatto a governare e che desidera che Massimo gli succeda, come reggente, per aiutare a salvare Roma dalla corruzione e ripristinare la repubblica. Dopo averlo saputo, Commodo uccide il padre.

Commodo si proclama nuovo imperatore e chiede a Massimo la sua fedeltà, ma quest'ultimo rifiuta. Massimo viene arrestato dalla Guardia Pretoriana e gli viene detto che lui e la sua famiglia moriranno. Uccide i suoi rapitori e si dirige verso la sua casa vicino a Trujillo, dove trova la moglie e il figlio crocifissi. Massimo li seppellisce e poi crolla per le ferite riportate. Gli schiavisti lo trovano e lo portano nella città di Zucchabar, nella provincia romana di Mauretania Caesariensis, dove viene venduto all'addestratore di gladiatori Proximo.

Maximus combatte a malincuore nei tornei locali e le sue abilità di combattimento lo aiutano a vincere gli incontri e a guadagnare popolarità. Fa amicizia con altri due gladiatori: Hagen, un tedesco, e Juba, un numida. Proximo rivela a Maximus di essere stato un gladiatore liberato da Marco Aurelio e gli consiglia di "conquistare la folla" per ottenere la libertà.

Quando Commodo organizza 150 giorni di giochi per commemorare la morte del padre, Proximo porta i suoi gladiatori a Roma per combattere nel Colosseo. Travestito da un elmo mascherato, Massimo debutta nel Colosseo come cartaginese in una rievocazione della battaglia di Zama. Inaspettatamente, conduce il suo schieramento alla vittoria e Commodo entra nel Colosseo per congratularsi. Ordina a Massimo, travestito da capo dei gladiatori, di mostrarsi e di dire il suo nome; Massimo si toglie l'elmo e dichiara vendetta. Commodo viene costretto dalla folla a lasciare in vita i gladiatori e le sue guardie si trattengono dal colpirli.

Il prossimo combattimento di Massimo è contro un leggendario gladiatore imbattuto, Tigris di Gallia. Commodo ha fatto in modo che diverse tigri si avventassero su Massimo durante il duello; Massimo, tuttavia, ha la meglio. Commodo ordina a Massimo di uccidere Tigris, ma Massimo risparmia la vita al suo avversario e viene chiamato dalla folla "Massimo il Misericordioso". Adirato per questo risultato, Commodo deride Massimo per la morte della sua famiglia, ma quest'ultimo si volta e se ne va.

Massimo scopre da Cicerone, suo ex-ordinatore, che le sue ex legioni rimangono fedeli. Si incontra in segreto con Lucilla, sorella di Commodo, e Gracco, un influente senatore. Si accordano per far fuggire Massimo da Roma per unirsi alle sue legioni, rovesciare Commodo con la forza e restituire il potere al Senato romano. Commodo viene a conoscenza del complotto quando il figlio di Lucilla, Lucio, accenna innocentemente alla cospirazione. Commodo minaccia Lucilla e Lucio, fa arrestare Gracco dalla Guardia Pretoriana e attacca la caserma dei gladiatori. Proximo e i suoi uomini, tra cui Hagen, si sacrificano per permettere a Massimo di fuggire. Massimo viene catturato all'appuntamento con Cicerone, dove quest'ultimo viene ucciso.

Nel tentativo di riconquistare l'approvazione dell'opinione pubblica, Commodo sfida Massimo a duello nel Colosseo. Prima dell'incontro pugnala Massimo al polmone per ottenere un vantaggio. Nonostante le ferite, Massimo disarma Commodo, che chiede una spada. Disgustata dal suo atteggiamento vantaggioso, la Guardia Pretoriana si rifiuta di aiutarlo. Commodo estrae un coltello nascosto, ma Massimo lo sopraffà e conficca il coltello nella gola di Commodo, uccidendolo. Massimo soccombe alle ferite. Chiede riforme politiche, la liberazione dei suoi alleati gladiatori e la reintegrazione del senatore Gracco. Mentre muore, ha una visione in cui si riunisce con la moglie e il figlio. I suoi amici e alleati lo onorano come "soldato di Roma", per volere di Lucilla, e portano il suo corpo fuori dall'arena, lasciandosi alle spalle Commodo morto.

Quella notte, Juba visita il Colosseo e seppellisce le statuette della moglie e del figlio di Massimo nel punto in cui è morto. Promette di rivedere Massimo, "ma non ancora".

Tipologia

Film

Durata

155 minuti

Regista

Ridley Scott

Cast

Connie Nielsen David Schofield Derek Jacobi Djimon Hounsou Joaquin Phoenix John Shrapnel Oliver Reed Richard Harris Russell Crowe Tomas Arana

Caratteristiche

Avvincente Acclamato dalla critica Azione e avventura Vendetta Antichità Premiato agli Oscar Epopea BAFTA Peplum Classico moderno Golden Globe Impero romano Campione d'incassi Giochi mortali Entusiasmante Film di Hollywood Dramma

Audio

Tedesco Inglese [originale] Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
Salvate il soldato Ryan
L'ultimo samurai
Top Gun
I cannoni di Navarone