Sette anni in Tibet streaming nuovamente disponibile da gennaio 2023

Immagine tratta da Sette anni in Tibet
    136 minuti

Al culmine della Seconda Guerra Mondiale, un alpinista austriaco emotivamente distante (Brad Pitt) si reca nella città santa di Lhasa, in Tibet, alla ricerca di cime da domare e trova invece un amico inaspettato nella forma del giovane Dalai Lama. Sotto l'influenza del santo leader, l'alpinista - e, non a caso, membro del Partito Nazista - inizia un viaggio personale che lo porterà a una maggiore consapevolezza di sé e saggezza interiore. Adattato dall'omonimo libro di memorie di Heinrich Harrer.

Nel film, Harrer (Pitt) e il collega austriaco Peter Aufschnaiter (Thewlis) fanno alpinismo nell'India britannica degli anni Trenta. Quando nel 1939 inizia la Seconda Guerra Mondiale, la loro cittadinanza tedesca li fa imprigionare in un campo di prigionia a Dehradun, sull'Himalaya. Nel 1944, Harrer e Aufschnaiter scappano dalla prigione e attraversano il confine con il Tibet, percorrendo l'insidioso altopiano. Lì, dopo aver inizialmente ricevuto l'ordine di tornare in India, vengono accolti nella città santa di Lhasa e vengono assorbiti da uno stile di vita sconosciuto. Harrer viene presentato al 14° Dalai Lama, che è ancora un ragazzo, e diventa uno dei suoi tutori. Durante il periodo trascorso insieme, Heinrich diventa un amico intimo del giovane leader spirituale. Harrer e Aufschnaiter rimangono nel paese fino alla battaglia di Chamdo nel 1950.

3,7
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Nel 1939, l'alpinista austriaco Heinrich Harrer abbandona la moglie incinta per unirsi a Peter Aufschnaiter in una squadra che tenta di raggiungere la vetta del Nanga Parbat nell'India britannica (oggi parte del Pakistan). Quando nel 1939 inizia la Seconda Guerra Mondiale, i due vengono arrestati dalle autorità britanniche con l'accusa di essere stranieri nemici. Vengono imprigionati in un campo di prigionia a Dehradun, ai piedi dell'Himalaya, nell'attuale stato indiano dell'Uttarakhand. La moglie di Harrer, Ingrid, che ha dato alla luce un figlio che non ha mai visto, gli invia i documenti per il divorzio dall'Austria, ormai annessa alla Germania nazista.

Nel 1944, Harrer e Aufschnaiter fuggono dalla prigione e attraversano il Tibet. Dopo essere stati inizialmente respinti dalla nazione isolata, riescono a viaggiare sotto mentite spoglie fino alla capitale tibetana di Lhasa. Lì diventano ospiti del diplomatico tibetano Kungo Tsarong. Anche l'alto funzionario tibetano Ngawang Jigme estende l'amicizia ai due stranieri regalando loro abiti occidentali su misura. Aufschnaiter si innamora della sarta Pema Lhaki e la sposa. Harrer sceglie di rimanere single, sia per concentrarsi sul suo nuovo lavoro di rilevamento del territorio, sia per evitare di vivere un'altra relazione fallita.

Nel 1945, Harrer progetta di tornare in Austria alla notizia della fine della guerra. Ma suo figlio Rolf gli invia una fredda lettera in cui afferma che Harrer non è suo padre. Questo impedisce ad Harrer di lasciare il Tibet. Poco dopo, Harrer viene invitato al Palazzo Potala e diventa il tutore del XIV Dalai Lama in geografia mondiale, scienze e cultura occidentale. Harrer e il Dalai Lama finiscono per fare amicizia.

Nel frattempo, le relazioni politiche con il nuovo governo comunista cinese si inaspriscono, poiché il governo sta progettando di invadere il Tibet. Ngawang Jigme guida l'esercito tibetano nella città di confine di Chamdo per fermare l'avanzata dell'Esercito Popolare di Liberazione. Tuttavia, finisce per arrendersi e fa esplodere il deposito di munizioni tibetano dopo la battaglia unilaterale di Chamdo.

Durante la firma del trattato, Kungo Tsarong dice a Harrer che se Jigme non avesse distrutto le scorte di armi, i guerriglieri tibetani avrebbero potuto tenere i passi montani per mesi o addirittura anni, abbastanza a lungo da chiedere aiuto ad altre nazioni. Afferma inoltre che per i tibetani la capitolazione è come una condanna a morte. Mentre i cinesi occupano il Tibet, Harrer condanna Ngawang Jigme per aver tradito il suo paese, dichiarando conclusa la loro amicizia. In preda alla rabbia, Harrer umilia ulteriormente l'alto funzionario restituendogli la giacca che Ngawang Jigme gli aveva regalato, un grave insulto per la cultura tibetana, e gettandolo a terra prima di andarsene.

Harrer cerca di convincere il Dalai Lama a fuggire, ma lui rifiuta, non volendo abbandonare il suo popolo. Il Dalai Lama incoraggia Harrer a tornare in Austria e a fare da padre a suo figlio. Dopo la cerimonia di intronizzazione, in cui il Dalai Lama viene formalmente intronizzato come leader spirituale e temporale del Tibet, Harrer torna in Austria nel 1951.

Il figlio di Harrer, Rolf, all'inizio rifiuta di incontrarlo, ma Harrer gli lascia un carillon regalatogli dal Dalai Lama e questo suscita l'interesse del ragazzo. Anni dopo, Harrer e Rolf (ora adolescente) vengono visti mentre scalano le montagne insieme, il che fa pensare che abbiano ricucito il loro rapporto.

Tipologia

Film

Durata

136 minuti

Regista

Jean-Jacques Annaud

Cast

BD Wong Brad Pitt Danny Denzongpa David Thewlis Ingeborga Dapkunaite Jamyang Jamtsho Wangchuk Jetsun Pema Lhakpa Tsamchoe Mako Victor Wong

Caratteristiche

Motivante Sobrio Da una storia vera Azione e avventura Fede e spiritualità Amicizia Anni '40 Film di Hollywood

Audio

Tedesco Inglese Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano Ucraino
Potrebbero interessarti...
Il Padrino
Il Gladiatore
Cast Away
Forrest Gump