Oh My God streaming disponibile da maggio 2017

Immagine tratta da Oh My God
    129 minuti

Un negoziante porta Dio in tribunale quando il suo negozio viene distrutto da un terremoto.

Realizzato con un budget di ₹20 crore (2,6 milioni di dollari), il film, uscito il 28 settembre 2012, è stato lodato per i suoi temi e per le interpretazioni di Rawal e Kumar.

Il film è stato rifatto in Telugu con il titolo Gopala Gopala nel 2015 con Venkatesh, Pawan Kalyan e Shriya Saran. È stato anche rifatto in Kannada con il titolo Mukunda Murari nel 2016 con Upendra e Sudeep. Un secondo capitolo è in fase di sviluppo con Akshay Kumar, Pankaj Tripathi e Yami Gautam.

3,8
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Kanji Lalji Mehta (Paresh Rawal), un ateo gujarati della classe media, possiede un negozio di idoli e antichità indù a Mumbai. Un giorno, un terremoto di bassa intensità colpisce la città e il negozio di Kanji è l'unico ad essere distrutto. La sua famiglia e i suoi amici danno la colpa al suo ateismo.

All'ufficio assicurativo, Kanji scopre che la richiesta di risarcimento non copre i danni causati da calamità naturali classificate come "Atto di Dio". A corto di opzioni, decide di fare causa a Dio ma non riesce a trovare un avvocato per questa causa. Hanif Qureshi (Om Puri), un povero avvocato musulmano, lo aiuta a presentare la causa dopo che Kanji decide di combattere da solo. Vengono inviate notifiche legali alla compagnia assicurativa e ai sacerdoti religiosi Siddheshwar Maharaj, Gopi Maiyya e al fondatore del loro gruppo, Leeladhar Swamy (Mithun Chakraborty), convocandoli in tribunale come rappresentanti di Dio.

Mentre il caso giudiziario inizia e prende piede per la sua bizzarria, Kanji si ritrova ad affrontare fondamentalisti armati e molestie, con la banca ipotecaria che occupa la casa e la moglie e i figli che lo abbandonano. A salvarlo da tutto questo è Krishna Vasudev Yadav (Akshay Kumar), che sostiene di essere un agente immobiliare originario di Gokul, nell'Uttar Pradesh, ma che sembra fare trucchi fantastici impossibili per un essere umano.

L'azione legale provoca un clamore pubblico. Su consiglio di Krishna, Kanji si rivolge ai media e ottiene un'ampia copertura. Molte persone che si trovano in una situazione simile si uniscono a lui nella causa, facendo salire alle stelle l'ammontare delle richieste di risarcimento e convocando come imputati anche sacerdoti cattolici e mullah musulmani. Quando il tribunale chiede una prova scritta che il terremoto sia stato un "atto di Dio", Krishna indirizza Kanji verso libri sacri come la Bhagavad Gita, il Corano e la Bibbia. Kanji li legge e trova in ognuno di essi un passaggio in cui si dice che il mondo e tutto ciò che vi accade, dall'inizio alla fine, è una creazione di Dio e deriva unicamente dalla volontà di Dio. Questo rafforza la sua tesi e aumenta il sostegno del pubblico. Tuttavia, Kanji viene colpito da un ictus in tribunale e viene portato d'urgenza in ospedale dove entra in coma e rimane paralizzato. Quando riapre gli occhi dopo un mese, trova Krishna che gli rivela di essere Dio e lo dimostra guarendo completamente Kanji. Rivela inoltre di aver creato il mondo intero, gli animali e gli esseri umani, ma che la religione è stata creata dagli esseri umani e che è stato lui a distruggere il negozio di Kanji perché voleva punire gli uomini-dio che mostravano la loro paura al pubblico per guadagnare denaro. Aggiunge di aver creato il mondo intero e quindi non ama vivere nei templi, contrariamente a quanto sostengono gli uomini di Dio, e non è interessato alle offerte che riceve dai devoti. Ha invece creato milioni di esseri umani che muoiono di fame e sarebbe contento se quelle offerte venissero date a loro. Ha capito che un ateo come Kanji avrebbe finito per smascherarlo se avesse distrutto il suo Negozio, quindi lo ha distrutto causando il disastro e ha iniziato ad aiutarlo con la causa apparendo come un umano e facendogli amicizia, rivelandosi nella sua vera forma in modo che Kanji si rendesse conto che, sebbene esista, non vive nei templi, ma in ogni creatura che ha creato.

Kanji viene a sapere che il verdetto della causa è stato a suo favore e che il tribunale ha ordinato alle organizzazioni religiose di pagare il risarcimento a tutti i querelanti; la gente ha iniziato a venerare Kanji stesso come un dio. Leeladhar, Gopi Maiyya e Siddheshwar ne hanno approfittato aprendo un tempio dedicato a Kanji e accumulando milioni di donazioni. Krishna spiega a Kanji che il suo compito di Dio è quello di mostrare alle persone ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Kanji decide di reagire. Rompe la sua stessa statua, ammonendo la folla a non fidarsi degli uomini-Dio. Consiglia loro di cercare Dio in se stessi e negli altri, non nelle statue; che Dio è ovunque, non solo nei templi, e che la fede deve venire da dentro. Dice loro di non credere agli uomini-dio fraudolenti, perché il loro compito è quello di trasformare la religione in affari.

Krishna guarda orgoglioso mentre Kanji parla, poi scompare quando Kanji cerca di raggiungerlo. Kanji si riunisce alla sua famiglia e vede il portachiavi di Krishna a terra. Quando sta per tenerlo, sente la voce di Krishna che gli dice di sbarazzarsi del portachiavi perché la paura di Dio e l'affidamento agli oggetti religiosi erano ciò contro cui aveva combattuto per tutto questo tempo. Kanji sorride e lo getta via, guardandolo scomparire nel cielo con un lampo.

Tipologia

Film

Durata

129 minuti

Regista

Umesh Shukla

Cast

Akshay Kumar Apoorva Arora Arun Bali Govind Namdeo Honey Chaaya Mahesh Manjrekar Mithun Chakraborty Om Puri Paresh Rawal Poonam Jhawer

Caratteristiche

Bollywood Satira Ambientato in tribunale Contro il sistema Premiato Mumbai National Film Award Questioni sociali Dramedy Indiano

Audio

Hindi

Sottotitoli

Arabo Tedesco Greco Inglese Francese Italiano Rumeno
Potrebbero interessarti...
Kal Ho Naa Ho
Zindagi Na Milegi Dobara
Hasee Toh Phasee
Pyaar Ka Punchnama 2