That Girl in Yellow Boots streaming disponibile da luglio 2017

Immagine tratta da That Girl in Yellow Boots
    102 minuti

La ragazza con gli stivali gialli è un thriller che ripercorre la ricerca di Ruth (Kalki Koechlin) di suo padre, un uomo che ha conosciuto a malapena ma che non può dimenticare. La disperazione la spinge a lavorare senza permesso in un centro massaggi. Divisa tra diversi scismi, Mumbai diventa lo sfondo estraneo ma stranamente familiare della ricerca di Ruth. Lotta per trovare la sua indipendenza e il suo spazio, anche se viene risucchiata sempre di più nella politica labirintica del ventre della città. Una città che si nutre della sua infelicità, un amore che le sfugge e soprattutto una verità devastante che deve affrontare. E tutti vogliono un pezzo di lei.

La ragazza con gli stivali gialli è un film thriller indiano in lingua hindi del 2010 del regista Anurag Kashyap, con Kalki Koechlin e Naseeruddin Shah. Il film è stato presentato per la prima volta al Toronto International Film Festival nel settembre 2010, seguito dalla Mostra del Cinema di Venezia dopo aver partecipato a diversi festival in tutto il mondo, tra cui il South Asian International Film Festival. L'uscita commerciale è avvenuta un anno dopo, nel settembre 2011, sia in India che negli Stati Uniti.

Ruth (Kalki Koechlin) è una donna inglese che ha perso la sorella per suicidio un paio di anni fa. Arriva in India per cercare suo padre, di origini indiane, un uomo che conosceva appena ma che non riesce a dimenticare a causa di una lettera che le aveva scritto chiedendole di cercarlo. Senza permesso di lavoro, la disperazione la spinge a lavorare in un centro massaggi, dove offre sia massaggi standard che "happy endings". Divisa tra due scismi, Mumbai diventa lo sfondo estraneo ma stranamente familiare della ricerca di Ruth. Lotta per trovare la sua indipendenza e il suo spazio mentre viene risucchiata sempre più nel labirinto dei bassifondi della città. Frequenta anche un tossicodipendente, Prashant (Prashant Prakash), che è contemporaneamente il suo salvatore e il suo tormentatore. Una città che si nutre della sua infelicità, un amore che le sfugge. In quello che forse è anche un commento sul culto degli uomini-dio in India, suo padre viene mostrato come seguace di uno di questi culti religiosi. Il film mostra anche la sua lotta invano contro il sentimento di rimpicciolimento, mentre il mondo cresce intorno a lei ogni giorno di più. Mentre cerca di sbarcare il lunario lavorando in uno squallido centro massaggi, Ruth contatta diverse persone per farsi aiutare a trovare suo padre, come alcuni funzionari e alcuni membri della setta. Diventa popolare tra alcuni clienti, che sono i suoi clienti quotidiani. Diventa amica di uno di loro (Nazaruddin Shah), che la vede solo come una professionista, ignara dei loschi affari che la circondano. Nel corso del film, il suo fidanzato tossicodipendente si indebita con un altro spacciatore che le sottrae i soldi per ripagarla e le chiede di pagare il resto con un "Happy Endings". Ruth riesce in qualche modo a scappare da lui. Nel frattempo, per ritrovare suo padre, si obbliga a fornire alcuni servizi privati in cambio del favore di un funzionario. Ma prima di farlo, il suo fidanzato la interrompe e la picchia e lei lo lascia. Alla fine scopre dove si trova suo padre grazie a un membro di una setta che ha un nome diverso da quello attuale e che ora risiede a Versova. Corrompendo il personale di un ufficio postale, Ruth riesce in qualche modo a trovare il suo indirizzo. Mentre esce, si accorge che qualcuno sta scattando le sue foto di nascosto. Il giorno dopo va a trovare suo padre e scopre che non è in casa. Guardandosi intorno, trova le foto della sua infanzia con la mamma e la sorella, ma nemmeno una foto di suo padre. Mentre sfoglia le foto, trova una scatola piena delle sue ultime foto, quelle scattate di nascosto e, con suo grande shock, trova anche la foto di suo padre su un documento appeso lì vicino e fugge inorridita. Cammina scioccata per tutto il giorno e quando torna al centro massaggi, il suo unico buon cliente ha scoperto i suoi servizi segreti e la affronta chiedendole se non si vergogna. Quella sera Ruth rimane nel salone e si procura una pistola revolver dallo spacciatore che ha ingannato prima. All'inizio del giorno successivo, il suo cliente abituale del mattino, Luke, le fa visita e lei intavola una conversazione chiedendogli perché insiste a chiedere servizi a lei e, mentre lui risponde borbottando, lei gli getta l'olio bollente sulla schiena. A quel punto ci viene rivelato, con grande sorpresa, che Luke è suo padre e che sa che lei è sua figlia fin dall'inizio e che la va a trovare ogni giorno perché le vuole bene. Rivela anche di aver sposato sua madre, perché ama la sorellastra Emily, allo stesso modo in cui ama Ruth. È stato lui a mettere incinta Emily e la madre ne è consapevole, ma non l'ha fatta abortire, motivo per cui Emily si è suicidata. Con orrore, il padre continua a dire di amarla mentre lei esce dalla stanza. Il film si conclude con Ruth che appende gli stivali gialli al chiodo, lascia il suo lavoro al centro massaggi e presumibilmente lascia anche il paese per tornare in Gran Bretagna; la sua ricerca si è conclusa in modo scioccante.

2,6
 
 
 

Tipologia

Film

Durata

102 minuti

Regista

Anurag Kashyap

Cast

Divya Jagdale Gulshan Devaiah Gulshan Devaiya Kalki Koechlin Kartik Krishnan Kumud Mishra Naseeruddin Shah Pooja Swaroop Prashant Prakash Shivkumar Subramaniam Thani

Caratteristiche

Film d'essai Cupo Bollywood Indipendente Dramma Indiano

Audio

Hindi

Sottotitoli

Arabo Tedesco Greco Inglese Francese Italiano Rumeno
Potrebbero interessarti...
Soni
My Dear Prime Minister
Lust Stories
Bombay Begums