La tragedia del capitano Scott streaming disponibile da novembre 2021

Immagine tratta da La tragedia del capitano Scott
  108 minuti

Il Capitano Scott riceve gli uomini, ma non i fondi, per partecipare a una seconda spedizione nell'Antartico. Mentre la moglie lavora a un suo busto, gli dice di non essere "la meno gelosa" del fatto che lui vada di nuovo in Antartide. La moglie di uno scienziato che Scott spera di reclutare ha un'opinione molto diversa dalla moglie di Scott, ma lo scienziato accetta di partire. Scott fa anche visita a Fridtjof Nansen, che insiste sul fatto che una spedizione polare debba utilizzare i cani. Scott avvia una campagna di raccolta fondi e, nonostante lo scetticismo popolare, riesce a raccogliere abbastanza denaro per finanziare la spedizione.

Il film fu diretto da Charles Frend su sceneggiatura di Ivor Montagu e Walter Meade con "dialoghi aggiuntivi" della scrittrice Mary Hayley Bell (moglie di Mills). La colonna sonora del film era di Ralph Vaughan Williams, che ne rielaborò alcuni elementi nella sua Sinfonia antartica del 1952. Il cast di supporto comprendeva James Robertson Justice, Derek Bond, Kenneth More, John Gregson, Barry Letts e Christopher Lee.

Gran parte del film è stato girato in Technicolor presso gli Ealing Studios di Londra. Sono stati utilizzati paesaggi e ghiacciai delle Alpi svizzere, della Norvegia e immagini di repertorio di Graham Land, ma non sono state girate scene vere e proprie in Antartide.

3,3
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Il Capitano Scott riceve gli uomini, ma non i fondi, per partecipare a una seconda spedizione nell'Antartico. Mentre la moglie lavora a un suo busto, gli dice di non essere "minimamente gelosa" del fatto che lui vada di nuovo in Antartide. La moglie del dottor E. A. Wilson, che Scott spera di reclutare, è molto meno entusiasta, ma Wilson accetta di partire a condizione che si tratti di una spedizione scientifica. Scott fa visita anche a Fridtjof Nansen, che insiste sul fatto che una spedizione polare deve utilizzare solo cani, non macchine o cavalli. Scott avvia una campagna di raccolta fondi, con risultati contrastanti, riscontrando scetticismo tra gli uomini d'affari di Liverpool, ma entusiasmo tra gli scolari che finanziano i cani da slitta. Con l'aiuto di una sovvenzione governativa, riesce finalmente a raccogliere abbastanza denaro per finanziare la spedizione.

Dopo una sosta in Nuova Zelanda, la nave salpa per l'Antartide. Si accampano sulla costa, dove trascorrono l'inverno e organizzano una festa di metà inverno il 22 giugno 1911. In primavera un piccolo contingente di uomini, pony e cani inizia la marcia verso il polo. A metà strada, come previsto, i pony vengono abbattuti per ricavarne cibo e alcuni uomini vengono rimandati indietro con i cani. A tre quarti del percorso, Scott sceglie la squadra di cinque uomini per proseguire verso il polo, sperando di tornare entro la fine di marzo del 1912. Raggiungono il polo solo per trovare la bandiera norvegese già piantata lì e una lettera di Roald Amundsen che chiede a Scott di consegnarla al re di Norvegia.

Enormemente delusa, la squadra di Scott inizia il lungo viaggio di ritorno. Quando raggiunge le montagne che costeggiano l'altopiano polare, Wilson mostra agli uomini alcuni fossili di piante e alberi marini che ha trovato, oltre a un pezzo di carbone, con grande soddisfazione di Scott, dimostrando che l'Antartide doveva essere un luogo caldo un tempo e aprendo possibilità economiche. La mancanza di tali opportunità era stata una delle critiche mosse a Scott durante la raccolta di fondi. Tuttavia, Scott è sempre più preoccupato per la salute di due uomini: Evans, che è caduto e ha un grave taglio alla mano, e Oates, il cui piede è terribilmente congelato. Alla fine Evans si accascia e muore, venendo sepolto sotto la neve. Rendendosi conto che le sue condizioni stanno rallentando la squadra, Oates dice: "Spero di non svegliarmi domani", ma quando lo fa, si sacrifica strisciando fuori dalla tenda, dicendo: "Sto uscendo; potrei stare via per un po'". (sic`; le parole registrate da Scott sono "...e potrebbe essere un po' di tempo"]. Alla fine, a sole 11 miglia da un deposito di rifornimenti, il resto della squadra muore nella tenda intrappolata da una bufera di neve. Ognuno scrive le proprie lettere d'addio, con Scott che, congelato, ricorda la moglie e scrive il famoso Messaggio al pubblico: "Non mi pento di questo viaggio...".

Mesi dopo, in una limpida giornata di sole, la squadra di ricerca scopre la tenda completamente innevata. Dopo un'inquadratura del diario di Scott che viene recuperato, il film si conclude con la vista di una croce di legno su cui sono incisi i cinque nomi dei morti e la citazione: "Sforzarsi di cercare, trovare e non cedere". (Le virgole sono state omesse; si tratta di un verso del poema "Ulisse" di Alfred, Lord Tennyson).

Tipologia

Film

Durata

108 minuti

Regista

Charles Frend

Cast

Anne Firth Derek Bond Diana Churchill Harold Warrender James Robertson Justice John Mills Kenneth More Norman Williams Reginald Beckwith

Caratteristiche

Classico Film Azione e avventura Dramma Britannico

Audio

Inglese [originale]

Sottotitoli

Greco Inglese Croato Italiano Rumeno
Potrebbero interessarti...
To Kill a Child
The Great Adventure
Подслон
Jag