Il signore degli anelli - Il ritorno del re streaming nuovamente disponibile da dicembre 2022

Immagine tratta da Il signore degli anelli - Il ritorno del re
    201 minuti

Le forze di Sauron hanno assediato Minas Tirith, la capitale di Gondor, nel tentativo di eliminare la razza degli uomini. Il regno, un tempo grande, sorvegliato da un intendente in declino, non ha mai avuto un bisogno così disperato del suo re. Ma riuscirà Aragorn (Viggo Mortensen) a rispondere alla chiamata del suo retaggio e a diventare ciò che è nato per essere? Il destino della Terra di Mezzo si regge in gran parte sulle sue spalle. Quando la battaglia finale è ormai alle porte e le legioni dell'oscurità si stanno radunando, Gandalf (Ian McKellen) cerca urgentemente di radunare l'esercito di Gondor, ormai distrutto, all'azione. Viene aiutato dal re di Rohan Theoden (Bernard Hill), che riunisce i suoi guerrieri per la più grande prova della storia. Tuttavia, anche con il loro coraggio e la loro appassionata lealtà, le forze degli uomini - con Eowyn (Miranda Otto) e Merry (Dominic Monaghan) nascosti tra loro - non sono all'altezza dei nemici che sciamano contro Gondor. Tuttavia, a fronte di gravi perdite, si lanciano nella battaglia della loro vita, legati dall'unico obiettivo di distrarre Sauron e dare al Portatore dell'Anello la possibilità di completare la sua missione. Le loro speranze sono riposte in Frodo (Elijah Wood), un piccolo ma determinato hobbit che compie un pericoloso viaggio attraverso le infide terre nemiche per gettare l'Unico Anello nelle fiamme del Monte Fato. Più Frodo si avvicina alla sua destinazione finale, più il suo fardello diventa pesante e più deve affidarsi a Samwise Gamgee (Sean Astin). Gollum - e l'Anello stesso - metteranno alla prova le fedeltà di Frodo e, in ultima analisi, la sua umanità.

Continuando la trama del film precedente, Frodo, Sam e Gollum si dirigono verso il Monte Fato a Mordor per distruggere l'Unico Anello, ignari delle vere intenzioni di Gollum, mentre Merry, Pipino, Gandalf, Aragorn, Legolas, Gimli e gli altri uniscono le forze contro Sauron e le sue legioni a Minas Tirith.

Il Ritorno del Re è stato finanziato e distribuito dallo studio americano New Line Cinema, ma è stato girato e montato interamente nella Nuova Zelanda, paese natale di Jackson, in contemporanea con le altre due parti della trilogia. La prima è stata il 1° dicembre 2003 all'Embassy Theatre di Wellington, per poi uscire il 17 dicembre 2003 negli Stati Uniti e il 18 dicembre 2003 in Nuova Zelanda. Il film è stato acclamato dalla critica e dal pubblico, che lo ha considerato una pietra miliare della cinematografia e del genere fantasy, lodandone gli effetti visivi, le interpretazioni, le sequenze d'azione, la regia, la sceneggiatura, la colonna sonora, i costumi e la profondità emotiva. Ha incassato più di 1,1 miliardi di dollari in tutto il mondo, diventando il film che ha incassato di più nel 2003 e il secondo film che ha incassato di più in assoluto all'epoca della sua uscita, nonché il film che ha incassato di più distribuito da New Line Cinema.

Come gli altri film della trilogia, Il Ritorno del Re è ampiamente riconosciuto come uno dei film più grandi e influenti mai realizzati. Il film ha ricevuto numerosi riconoscimenti; alla 76esima edizione degli Academy Awards, ha vinto tutti gli undici premi per i quali era stato nominato, tra cui quello per il Miglior Film, diventando così, insieme a Ben-Hur del 1959 e Titanic del 1997, il film con il maggior numero di premi Oscar vinti. Inoltre, dopo la trilogia originale di Guerre Stellari, è la seconda serie di film che hanno vinto tutti i premi per i Migliori Effetti Visivi.

4,9
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Lo hobbit Sméagol sta pescando con suo cugino Déagol, che scopre l'Unico Anello nel fiume. La mente di Sméagol viene intrappolata dall'Anello e per questo uccide il cugino. Sempre più corrotto fisicamente e mentalmente, si ritira nelle Montagne Nebbiose e diventa noto come Gollum.

Secoli dopo, durante la Guerra dell'Anello, Gandalf conduce Aragorn, Legolas, Gimli e Re Théoden di Rohan a Isengard, dove si riuniscono con Merry e Pipino. Gandalf recupera il palantír di Saruman e il gruppo torna a Edoras per festeggiare la vittoria al Fosso di Helm. Pipino guarda nel palantír e vede Sauron e un albero in fiamme. Gandalf deduce che il nemico ha intenzione di attaccare la capitale di Gondor, Minas Tirith; si reca lì per avvertire l'intendente di Gondor, Denethor. Pipino, che lo accompagna, giura fedeltà a Denethor, il cui erede Boromir, ormai morto, gli aveva salvato la vita; su istruzione di Gandalf, attiva l'accensione dei fari che chiedono aiuto a Rohan.

Frodo, che porta con sé l'Anello, e Sam continuano il loro viaggio verso Mordor, ignari del fatto che Gollum, ora loro guida, ha intenzione di tradirli e di prendere l'Anello per sé. Il trio assiste alla partenza del Re Stregone di Angmar, signore dei nove Nazgûl, verso Gondor con il suo esercito di Orchi. Gollum cospira per incastrare Sam per aver mangiato le scorte di cibo e per aver desiderato l'Anello; influenzato dal crescente potere dell'Anello, Frodo si lascia ingannare dall'inganno e ordina a Sam di tornare a casa. Gollum inganna Frodo e lo spinge ad avventurarsi nella tana del ragno gigante Shelob. Frodo riesce a fuggire per un pelo e affronta Gollum, che cade in un baratro dopo una colluttazione. Shelob scopre, paralizza e lega Frodo, ma viene ferito e allontanato da un Sam di ritorno che, piangendo l'apparente morte di Frodo, prende l'Anello. Sam si rende conto del suo errore quando un gruppo di Orchi fa prigioniero Frodo, ma riesce a salvare Frodo mentre gli Orchi combattono tra loro. Ora che si trovano a Mordor, gli hobbit proseguono verso il Monte Fato, la loro destinazione.

Mentre Re Théoden raduna il suo esercito, Elrond dice ad Aragorn che Arwen sta morendo, essendosi rifiutata di lasciare la Terra di Mezzo. Elrond dona ad Aragorn Andúril, forgiato con i frammenti della spada Narsil di Re Elendil, e lo esorta a impegnarsi per reclamare il trono di Gondor, di cui è erede. Insieme a Legolas e Gimli, Aragorn percorre i Sentieri dei Morti e si impegna a liberare gli spettri dalla loro maledizione se dovessero venire in aiuto di Gondor. Nel frattempo, Faramir, che in precedenza era stato sopraffatto e respinto a Minas Tirith dal Re Stregone, viene gravemente ferito in una carica suicida; credendo che suo figlio sia morto, Denethor cade nella follia. Gandalf raduna i difensori, ma l'enorme esercito degli Orchi irrompe in città. Denethor tenta di bruciare se stesso e Faramir su una pira, ma Pipino avverte Gandalf e i due salvano Faramir. Denethor, incendiato e in agonia, si getta nella morte.

Théoden arriva e guida il suo esercito contro gli Orchi. Nonostante il successo iniziale contro gli Orchi nella battaglia che segue, questi vengono decimati dagli Haradrim che cavalcano Oliphaunt e il Re Stregone ferisce mortalmente Théoden; tuttavia, sua nipote Éowyn uccide il Re Stregone con l'aiuto di Merry. Théoden muore tra le braccia della nipote. Aragorn arriva con il suo Esercito dei Morti, che sconfigge le forze di Sauron e vince la battaglia. Il loro giuramento è stato rispettato e i Morti sono stati liberati dalla loro maledizione. Aragorn decide di marciare su Mordor per distrarre Sauron da Frodo, ormai estremamente debole, e Sam; tutte le forze rimanenti di Sauron marciano verso il diversivo di Aragorn, permettendo agli hobbit di raggiungere il Monte Fato. Gollum, sopravvissuto alla caduta precedente, li attacca, ma Frodo riesce comunque a entrare nella montagna. Lì, cede al potere dell'Anello e se lo mette al dito, ma Gollum riesce a mordergli il dito e a riprenderselo. I due lottano insieme e cadono entrambi dal cornicione. Frodo si aggrappa ad esso con una mano mentre il rimorso e il senso di colpa lo invadono dopo aver ceduto all'Anello, quando la fede incrollabile di Sam e la sua fiducia nell'amico lo convincono a tendere un'ultima mano a Sam, salvando la vita di Frodo. Gollum cade e muore; l'Anello, caduto con lui, si disintegra nella lava, facendo crollare Barad-dûr mentre l'Occhio di Sauron esplode, distruggendo il Signore Oscuro una volta per tutte. L'esercito di Aragorn emerge vittorioso mentre i suoi nemici e le terre di Mordor crollano nella terra e il Monte Fato erutta, con Frodo e Sam che sfuggono per poco alla lava.

Gandalf salva gli hobbit con l'aiuto delle aquile e la Compagnia superstite si riunisce felicemente a Minas Tirith. Aragorn viene incoronato Re di Gondor e sposa Arwen. Gli Hobbit tornano a casa nella Contea, dove Sam sposa Rosie Cotton. Qualche anno dopo, Frodo, ancora traumatizzato, parte per le Terre di Mezzo con suo zio Bilbo, Gandalf e gli Elfi. Lascia a Sam il Libro Rosso di Westmarch, che racconta le loro avventure. Sam torna nella Contea, dove riabbraccia Rosie e i loro figli.

Tipologia

Film

Durata

201 minuti

Regista

Peter Jackson

Cast

Bernard Hill Billy Boyd Cate Blanchett Dominic Monaghan Elijah Wood Hugo Weaving Ian McKellen John Rhys-Davies Liv Tyler Orlando Bloom Sean Astin Viggo Mortensen

Caratteristiche

Ad alto impatto visivo Da un libro Acclamato dalla critica Avventura Film fantasy Epopea Corsa contro il tempo Stregoneria

Audio

Inglese [originale] Italiano

Sottotitoli

Inglese Italiano
Potrebbero interessarti...
Il Signore degli Anelli - La compagnia dell'Anello
Il Gladiatore
Troy
La mummia - Il ritorno