L'altra sporca ultima meta streaming disponibile da marzo 2017

Immagine tratta da L'altra sporca ultima meta
    114 minuti

"The Longest Yard" è la storia del quarterback professionista Paul Crewe (Adam Sandler) e dell'ex campione del college e allenatore Nate Scarboro (Burt Reynolds), che stanno scontando la pena nella stessa prigione. Invitato a mettere insieme una squadra di detenuti per affrontare le guardie, Crewe si avvale dell'aiuto di Scarboro per allenare i detenuti alla vittoria in una partita di football "truccata" per andare in tutt'altro modo.

È stato distribuito da Paramount Pictures negli Stati Uniti e da Sony Pictures Releasing - sotto l'etichetta Columbia Pictures - in altri territori il 27 maggio 2005.

3,1
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Paul Crewe è un ex quarterback della NFL che è stato accusato di aver fatto la barba ai punti, anche se non è mai stato provato. Ciononostante, è stato messo in libertà vigilata federale per cinque anni. Una sera, durante una festa, si ubriaca e va in giro per San Diego con la Bentley della sua ragazza Lena, provocando un inseguimento da parte della polizia e l'incidente dell'auto. La libertà vigilata gli viene revocata e di conseguenza viene condannato a tre anni di carcere.

Sfruttando la sua influenza e i suoi contatti, il direttore del Texas Rudolph Hazen, appassionato di calcio, riesce a far trasferire Crewe nella sua prigione perché vuole usarlo come allenatore della sua squadra di calcio personale composta dalle sue guardie carcerarie per accrescere la sua reputazione in vista delle future elezioni a Governatore dello Stato. Usando una settimana in una cella frigorifera per costringerlo, Crewe raccomanda alle guardie, guidate dal capo delle guardie, il capitano Knauer, di giocare una partita di allenamento, una partita tra le guardie e una squadra che hanno facilmente massacrato per aumentare il morale. Hazen incarica Crewe di formare una squadra composta dai detenuti della prigione, ritenendo che non sarà in grado di unire i prigionieri indisciplinati, non solo raggiungendo così i suoi obiettivi, ma anche esercitando il suo potere sui detenuti.

Crewe fa amicizia con il Custode, che lo aiuta a organizzare i provini ma trova una squadra per lo più inetta a causa dell'eredità di Crewe. Vedere la squadra formarsi attira l'ex stella del football universitario Nate Scarborough, che decide di aiutare ad allenare la squadra radunando diversi detenuti intimidatori, la maggior parte dei quali si unisce per vendicarsi delle guardie violente, rafforzando la sua difesa. Il Custode implora Crewe di cercare l'assistenza dei detenuti neri per ottenere la necessaria forza e velocità offensiva. Crewe sfida il loro leader, Deacon Moss, in una partita di basket uno contro uno, ma si rifiuta di fischiare falli a Deacon, nonostante siano evidenti. Deacon vince e si rifiuta di offrire aiuto, ma Earl Megget rimane colpito dalla resistenza di Crewe e si unisce a lui come running back.

Mentre la squadra si rafforza, Hazen e le guardie ostacolano la squadra di Crewe in diversi modi, come ad esempio provocando Megget ad attaccare una guardia e molestandola verbalmente in biblioteca con insulti etnici; Megget, tuttavia, non si vendica. Deacon e gli altri detenuti di colore ne sono testimoni e decidono di unirsi alla squadra di Crewe per vendicarsi. Nel frattempo, il detenuto Unger spia le attività dei detenuti per conto delle guardie e gli viene chiesto di usare il suo "talento" per indebolire la squadra. Unger inserisce un esplosivo incendiario nella radio della cella di Crewe, che Caretaker fa esplodere accidentalmente e viene sigillato da Unger nella cella di Crewe, impedendo a chiunque di salvarlo.

Il giorno della partita, i detenuti si rivitalizzano dopo l'omicidio del Custode quando scoprono che quest'ultimo ha usato i suoi legami con il cugino della Reebok per fornire ai detenuti uniformi e attrezzature di qualità e per dare loro il nome di squadra Mean Machine. Crewe ha qualche difficoltà a convincere i detenuti a concentrarsi sulla vittoria durante la partita iniziale, affermando che una sconfitta per loro sarebbe un segno di vergogna molto più grande per le guardie di qualsiasi brutalità fisica che potrebbero infliggere loro. Sebbene le guardie passino subito in vantaggio, facendo anche chiamare agli arbitri dei falli fasulli (a cui Crewe rimedia subito sparando il pallone nell'inguine dell'arbitro), alla fine del primo tempo le Mean Machines pareggiano la partita.

Hazen mette alle strette Crewe durante l'intervallo, durante il quale rivela che Unger ha ucciso Caretaker e minaccia di aumentare la sua pena detentiva e di attribuirgli la morte di Caretaker se non concederà alle guardie un vantaggio di due touchdown. Con riluttanza, Crewe accetta. Hazen ordina quindi a Knauer di "infliggere il maggior danno possibile" ai detenuti una volta passati in vantaggio. Durante l'inizio del secondo tempo, Crewe lancia deliberatamente la partita e abbandona i suoi compagni di squadra nonostante i loro sforzi per recuperare il punteggio. Dopo aver guadagnato un vantaggio di due touchdown sulle Mean Machines, le Guardie iniziano a ferire brutalmente i detenuti, spingendo Crewe a rientrare in campo. Inizialmente i detenuti si rifiutano di aiutarlo, permettendogli di essere sackerati due volte, ma al 4° down e lungo, Crewe completa un 1° down da solo. Crewe chiama un time out e ammette di aver fatto la barba ai punti sia in questa partita che in quella che lo ha fatto tagliare dalla NFL. Informando la squadra delle minacce di Hazen, dichiara che preferirebbe rimanere tra i detenuti piuttosto che lanciare un'altra partita e tradire la memoria di Caretaker. Le Mean Machines si stringono ancora una volta attorno a Crewe e, grazie a una conversione decisiva da due punti, vincono la partita per un solo punto.

Knauer, avendo ritrovato il rispetto per Crewe, si congratula con lui per la vittoria e informa Crewe che sa che non ha nulla a che fare con l'omicidio del Custode e che lo difenderà. Hazen ammonisce Knauer per aver perso una partita truccata e nota che Crewe si sta dirigendo verso l'uscita. Insinuando che Crewe stia cercando di scappare, Hazen ordina di sparare a Crewe. Knauer esita e all'ultimo momento si accorge, informando Hazen con disprezzo, che Crewe sta solo raccogliendo il pallone da gioco. Crewe la restituisce ad Hazen, dicendogli di "metterla nella sua bacheca dei trofei". Deacon e Battle scaricano il Gatorade su Hazen, mentre Crewe e Scarbrough vanno a cercare informazioni su dove si trova Unger in modo che Switowski possa occuparsi di lui.

Tipologia

Film

Durata

114 minuti

Regista

Peter Segal

Cast

Adam Sandler Burt Reynolds Chris Rock Cloris Leachman David Patrick Kelly James Cromwell Michael Irvin Nelly Tracy Morgan William Fichtner

Generi

Commedia

Caratteristiche

Avvincente Carcere Football americano Campione d'incassi Film di Hollywood Commedia

Audio

Tedesco Inglese Spagnolo Europeo Francese Italiano

Sottotitoli

Tedesco Greco Inglese Francese Italiano
Potrebbero interessarti...
White Chicks
Special Correspondents
Quel nano infame
Anno uno