No One Killed Jessica streaming disponibile da novembre 2020

Immagine tratta da No One Killed Jessica
    131 minuti

Gupta è stato ispirato ad adattare l'omicidio di Jessica Lal in un film dopo aver visto un titolo di giornale sul caso nel 2006. Il progetto, intitolato in seguito No One Killed Jessica, è stato il suo secondo lavoro da regista dopo Aamir (2008). È stato prodotto da Ronnie Screwvala con la sua casa di produzione UTV Spotboy. Realizzato con un budget di ₹90 milioni (1,2 milioni di dollari), il film è stato girato con telecamere nascoste e realizzato da Anay Goswamy nel luglio 2010. Il film è stato montato da Aarti Bajaj.

No One Killed Jessica è uscito il 7 gennaio 2011. Si è rivelato un successo commerciale e uno dei film indiani di maggior incasso dell'anno. Il film ha ricevuto critiche positive, con elogi rivolti soprattutto alla sceneggiatura e alle interpretazioni di Vidya e Mukerji. Alla 57ª edizione dei Filmfare Awards, il film è stato nominato in quattro categorie: Miglior film, Miglior regista (Gupta), Miglior attrice (Vidya) e Miglior attrice non protagonista (Mukerji), vincendo quest'ultima.

3,3
 
 
 

Trama (potrebbe contenere spoiler!)

Jessica, barista a un evento d'élite a Nuova Delhi, rifiuta di servire alcolici a tre uomini (Manish, Vishal e Lucky) dopo l'ultima chiamata. Manish, figlio di un politico, per tutta risposta le spara alla testa. Ci sono decine di testimoni oculari, ma come scopre Sabrina, la sorella di Jessica, sono opportunamente smemorati o disposti a vendere la loro testimonianza al miglior offerente, lasciando un caso aperto e chiuso in ostaggio dell'avidità e dell'influenza politica.

Manish viene preso in custodia dalla polizia e iniziano le indagini. L'ispettore N.K. informa Sabrina che uno dei due proiettili inviati per la verifica è stato sostituito. I ripetuti tentativi di Sabrina di ottenere i testimoni e le prove per dimostrare il crimine di Jessica falliscono uno dopo l'altro. Il processo si protrae fino al 2006. A causa della mancanza di prove e testimoni, il tribunale assolve i colpevoli. La madre di Sabrina subisce un infarto a causa del trauma provocato dalla notizia e muore in ospedale.

Nel frattempo, la giornalista Meera Gaity scopre l'assoluzione attraverso un giornale. Dopo essersi aspettata che il caso di Jessica fosse un caso aperto e chiuso, Meera è scioccata, prende in mano la situazione e progetta di ottenere giustizia per Jessica. Con l'approvazione del suo editore, mette in atto diverse operazioni di sting e denuncia il fallimento della legge e dell'ordine pubblico nel paese, sollevando domande sulla polizia e sulle autorità. L'ispettore N. K. aiuta Meera inviandole il video di Manish in cui confessa il suo crimine. Meera utilizza il filmato per sfruttare pubblicamente i casi e inizia a fare pressione sul sistema e sul partito politico del padre di Manish.

Ben presto il pubblico, dopo aver seguito il caso in televisione, decide di protestare contro l'insabbiamento da parte dei potenti e di rendere giustizia a Jessica. Attraverso il canale vengono inviate numerose telefonate, SMS e messaggi vocali a sostegno di Jessica. Meera sfrutta questo sostegno pubblico per chiedere aiuto al governo e al Presidente. Gli abitanti di Delhi organizzano una marcia di veglia a lume di candela per Jessica e chiedono giustizia. Nel frattempo, Sabrina, colpita da tutti i traumi subiti durante la lotta per la sorella in tribunale, sembra essersi arresa e aver voltato pagina. Meera si avvicina a Sabrina per difendere nuovamente la sorella e le assicura che questa volta otterrà giustizia perché ha il sostegno di tutta la città.

La famiglia di Manish subisce pressioni politiche e il padre si dimette dal suo incarico. L'Alta Corte convoca la polizia per la negligenza dimostrata nel caso. La polizia fa appello all'Alta Corte per far riaprire il caso e viene accettato. Il caso viene promosso alla Corte Suprema, dove Manish viene dichiarato colpevole e condannato all'ergastolo. I suoi alleati, Vishal e Lucky, vengono puniti con quattro anni di carcere.

Tipologia

Film

Durata

131 minuti

Regista

Raj Kumar Gupta

Cast

Bubbles Sabharwal Geeta Sudan Mohammed Zeeshan Ayyub Myra Karn Neil Bhoopalam Rajesh Sharma Rani Mukerji Satyadeep Misra Vidya Balan Yogendra Tikku

Caratteristiche

Motivante Bollywood Crime Contro il sistema Premiato Filmfare Awards Questioni sociali Dramma Indiano

Audio

Hindi [originale]

Sottotitoli

Arabo Tedesco Inglese Spagnolo Francese Italiano Cinese Semplificato
Potrebbero interessarti...
Black Friday
Udta Punjab
Rock On!!
Luck by Chance