Stranger Things 3: i segreti di Hop e nuove fonti di ispirazione

martedì 21 agosto 2018 di Flavia Garlisi Netflix Originals, Serie TV, Stranger Things
Immagine tratta da Stranger Things 3: i segreti di Hop e nuove fonti di ispirazione
In un’intervista esclusiva a Variety, David Harbour ha rivelato un’importante fonte di ispirazione cinematografica per la S3 di Stranger Things e ha anticipato alcuni dettagli del suo personaggio, lo sceriffo Jim Hopper.

David Harbour ha recentemente rilasciato un’intervista esclusiva a Variety in cui ha rivelato nuovi dettagli sulla prossima stagione di Stranger Things.

Harbour, che nella serie interpreta lo sceriffo Jim Hopper, ha ricordato che il produttore esecutivo Shawn Levy ha descritto la prossima stagione di ST come più cupa e spaventosa delle precedenti e ha citato la commedia del 1985 Fletch - Un colpo da prima pagina come importante fonte di ispirazione per i creatori della serie, che hanno sempre dimostrato grandissima accuratezza nei riferimenti alle uscite cinematografiche degli anni in cui è ambientata la serie.

Harbour ha aggiunto che “Fletch è un film con cui giocheremo in questa stagione, cosa che non ci si aspetterebbe da Stranger Things, che non ci si aspetterebbe dall’universo di Spielberg e che di sicuro non ci si aspetterebbe da una stagione più dark.”

Nel film dell’85, l’attore Chevy Chase interpreta un giornalista in carriera che si traveste da vagabondo per condurre un’inchiesta sullo spaccio di droga sulle spiagge di Los Angeles e che si trova invischiato in un misterioso intrigo.

In merito al modo in cui riferimenti Fletch si potrebbero innestare nella trama di ST, Variety ipotizza che possa esserci un collegamento con l’ingresso nel cast di Jake Busey, che interpreterà, appunto, un giornalista del The Hawkins Post. Probabile, quindi, che questo nuovo personaggio si ispiri al protagonista di Fletch.

Nel corso della stessa intervista, Harbour ha anche parlato del suo personaggio, lo sceriffo Hopper, e ha dichiarato che il suo ruolo di papà adottivo di Eleven diventerà più complesso: avere a che fare con i turbamenti adolescenziali di una figlia, secondo lui, è peggio di combattere con mostri inter-dimensionali.

L’attore, inoltre, non esclude che la “summer of love” che ci regalerà questa prossima stagione possa coinvolgere anche il suo personaggio e quello di Winona Ryder (nella serie, Joyce Byers, mamma di Will e Jonathan): “Sono fatti l’uno per l’altra, mi piacerebbe vederli insieme. Fin dall’inizio, ho pensato che queste due persone incasinate e bellissime fossero come pezzi di un puzzle, che non si sopportano, ma hanno bisogno l’uno dell’altra.”

Continuando a parlare del suo personaggio, Harbour ha dichiarata che nella prossima stagione potrebbero essere rivelati alcuni segreti del suo passato: “Sappiamo che negli anni ‘70 faceva il poliziotto a New York, quindi mi chiedo se conoscesse Frank Serpico (ndr: ex poliziotto noto per la sua testimonianza in un caso di corruzione nella polizia nel 1971). E sappiamo che è stato in Vietnam, quindi sono curioso di scoprire come questa esperienza lo abbia formato e se qualcosa di essa lo perseguiti ancora.”

Foto di Flavia Garlisi Flavia Garlisi Content Manager

Cinefila e series addicted, ha vissuto l'arrivo di Netflix come l'inizio di una nuova era! Laureata in Storia del Cinema, lavora da qualche anno nel settore. Insieme a Fabio, si occupa dei contenuti editoriali del sito... così ha la scusa per fare bingewatching senza sensi di colpa!

Fonti

Gadget per Lovers

Ultimi Articoli