Come un fulmine a ciel sereno, Netflix ha da poco dichiarato che la sesta stagione di House Of Cards, attualmente in produzione, sarà l’ultima prima della chiusura della serie.

La decisione è stata confermata poche ore dopo la faccenda “Kevin Spacey-Anthony Rapp”, in cui Spacey risponde ad un’accusa rivoltagli da Rapp secondo la quale, anni addietro, lo stesso Spacey avrebbe sessualmente violentato la star di Star Trek…faccenda che Spacey dice di non ricordare in quanto accaduta quasi 30 anni fa.

La dichiarazione rilasciata da Netflix afferma: “Siamo stati profondamente colpiti dalle ultime notizie riguardanti Kevin Spacey. Questo pomeriggio i nostri membri esecutivi si sono riuniti a Baltimora e, come programmato, hanno deciso che Kevin Spacey non lavorerà più sul set”. In realtà la decisione era nell’aria già da tempo; questa faccenda ha soltanto dato man forte nel renderla esecutiva.

Beau Willimon, showrunner delle prime quattro stagioni di House Of Cards, ha considerato “profondamente inquietante” l’intera faccenda.