Adrian Holmes entra nel cast di 'V-Wars', la nuova serie Netflix a tema vampiri

venerdì 8 giugno 2018 di Bruno Manfredi Serie TV, Netflix Originals, News
Immagine tratta da Adrian Holmes entra nel cast di 'V-Wars', la nuova serie Netflix a tema vampiri
Dopo le ottime performances in Arrow, l’attore canadese affiancherà Ian Somerhalder nel nuovo vampire-drama di Netflix, basata sul best-seller di Jonathan Maberry

L’attrattiva del pubblico e delle grandi case di produzione nei confronti del mondo cinematografico e televisivo dei vampiri sembra non perdere mai di intensità. Negli anni sia in sala sia davanti il televisore di casa si sono susseguiti prodotti dalla qualità non sempre costante, ma indubbiamente dalla forte presa estetica ed emotiva.

Dopo la saga cinematografica di Twilight e i prodotti per il circuito televisivo The Vampire Diaries e True Blood, sta per arrivare il turno di una nuova serie televisiva ambientata nel misterioso e affascinante mondo dei vampiri: V-Wars. Quest’ultima potrà contare sulla presenza dell’attore Adrian Holmes, già ammirato nel serial televisivo Arrow e che in V-Wars interpreterà la parte di Michael Fayne, migliore amico del Dr. Luther Swann (Ian Somerhalder), un uomo contagiato da un terribile virus che avrà conseguenze drammatiche nella sua vita.

La serie tv è tratta dal libro pubblicato da Jonathan Maberry nel 2012 composto da una serie di raccolte di storie in prosa riguardanti gli avvenimenti della prima Guerra dei Vampiri. Nella sua trasposizione sulla piattaforma streaming di Netflix, verrà raccontato di un mondo sprofondato nell’orrore e nel caos, dove il Dr. Swann vedrà appunto il personaggio interpretato da Adrian Homes trasformarsi in uno spietato predatore a causa di una misteriosa malattia.

L’episodio pilota della serie verrà girato da Brad Turner, mentre nel ruolo di showrunners ci saranno William Laurin e Glenn Devis. A figurare invece come produttori risultano Eric Birnberg e Thomas Walden.

Bruno Manfredi Editor

Privo di qualsiasi forma di talento si è ritrovato suo malgrado fagocitato da tutto ciò che la cultura pop anni 80 e 90 ha avuto da offrirgli. Innamorato (ma giustamente non ricambiato) di Cinema, Filosofia, Fotografia, Videogame, Serie Tv e – ogni tanto – di qualche fumetto, da quando ha scoperto Netflix ha completamente azzerato il suo contatore sociale. Almeno una volta al mese sente il bisogno fisiologico di rivedere Jurassic Park.

Fonti

Ultimi Articoli