Titolo
Inception
Tipo
Film
Anno
2010
Durata
148 min
Genere
Fantascienza e fantasy
Thriller psicologici
Thriller
Thriller polizieschi
Thriller di fantascienza
Audio
Inglese - audiodescrizione
Italiano
Sottotitoli
Inglese
Italiano
Rimosso il
15 aprile 2017
In questo allucinante thriller fantascientifico, un uomo implicato nello spionaggio industriale penetra nell'inconscio delle persone per manipolarne la psiche.
Questi cacciatori di sogni riescono a penetrare nel subconscio più profondo, e per farlo ci vuole un certo coraggio.

Recensione

Inception è decisamente uno dei film di maggiore impatto degli ultimi anni. La regia di Cristopher Nolan (Memento, Interstellar oltre alla trilogia del Cavaliere Oscuro) esplora i percorsi e i misteri della mente umana come nella maggior parte dei suoi film, cercando in questo caso di rendere questa dimensione leggermente più familiare al grande pubblico rispetto ai suoi lavori precedenti (ogni riferimento a Memento è puramente voluto).

Il cast è quello delle grandi occasioni: Leonardo Di Caprio nella parte del protagonista Dominic Cobb, Joseph Gordon-Levitt nella parte di Arthur (amico di Cobb) ed Ellen Page nei panni di Arianna, la protagonista femminile. La trama appare dal principio abbastanza contorta, e per cominciare a capire qualcosa della dinamica del film ci si impiega una mezz’ora abbondante, sforzo che sarà in gran parte ripagato (per cui consiglio a quei pochi che non l’avessero ancora visto di vederlo una seconda volta a distanza ravvicinata di tempo, così da capire appieno il messaggio sin dal principio): il film è ambientato infatti in una serie di dimensioni parallele: quella reale e una molteplicità di dimensioni oniriche: spesso si fa fatica a distinguere, come scopriranno anche i personaggi del film.

Il principio di base della trama è il seguente: Dominic e Arthur fanno parte di un gruppo di esperti che ha scoperto la possibilità, grazie a un marchingegno tecnologico, di estrarre segreti e informazioni dalle menti delle persone mentre queste dormono, infiltrandosi nei loro sogni. Questa attività viene messa a frutto su commissione nel settore dello spionaggio industriale e in altre attività del genere. Un businessman giapponese, Mr.Saito (Ken Watanabe), è interessato a far sì che il figlio del suo deceduto rivale in affari, Robert Fischer (Cillian Murphy), rinunci alla sua eredità spacchettando l’impero economico a sua disposizione per favorirlo.

Per far questo, Mr.Saito non chiede al gruppo di estrarre informazioni ma di impiantare nella mente di Fischer un innesto (inception) per istillare questa sua idea. Dominic non potrà svolgere il compito da solo perché da decenni lotta con i fantasmi della propria mente che risente di traumi del passato legati alla sua precedente relazione con Mal (Marion Cotillard) e alla sua complicata situazione familiare. Per realizzare la missione dovrà quindi insegnare i trucchi del mestiere ad Arianna, giovane e brillante studentessa universitaria.

Da qui partirà una continua sovrapposizione di piani dimensionali e regni dove è possibile manipolare la realtà in continuazione tramite l’azione della mente umana, ma le cose si riveleranno molto più complicate del previsto e il gruppo di Dominic, Arthur e Arianna si troverà ben presto in situazioni di grande pericolo (fisico e non solo). Giocare con queste situazioni, infatti, comporta grandi rischi e può portare a confondere i piani dimensionali e a rendere labile il confine tra realtà e immaginazione, come Dominic ha imparato sulla propria pelle. Il tutto si concluderà con uno dei finali maggiormente ambigui e discussi della storia contemporanea del cinema, che (gli amanti dei finali chiari e delineati sono avvisati!) lascia aperte diverse interpretazioni.

Dal punto di vista tecnico e della fotografia, gli effetti speciali nelle dimensioni del sogno appaiono strabilianti, così come molte ambientazioni della dimensione onirica, che restituiscono allo spettatore una sensazione di un vero e proprio sogno ad occhi aperti.

Commento dell'autore

Questo film è una pietra miliare della produzione cinematografica recente, un capolavoro consigliato a tutti i fan della cinematografia. Il film ha ricevuto valanghe di nomination e premi (8 nomination e 4 premi agli Oscar). Non è però un film per tutti, richiede una certa attenzione alla trama e non è un film d’ “intrattenimento leggero” per cui ai non appassionati del genere può risultare difficile da comprendere e digerire. In ogni caso un must assolutamente da vedere

Advertising
;