Secondo un sondaggio effettuato da eMarketer, Netflix mantiene ancora il primato tra le varie altre piattaforme streaming a pagamento.

Il gigante dello streaming, infatti, si pensa possa raggiungere i 128 milioni di utenti per la fine di quest’anno, un incremento del 6,6% rispetto all’anno scorso.

In quanto leader nello streaming video, dal sondaggio è emerso che circa due terzi degli abbonati totali di tutte le piattaforme streaming si rivolgono a Netflix per i loro contenuti preferiti, circa il 66% di tutto il pubblico.

Le maggiori concorrenti, Amazon e Hulu, contano rispettivamente 85,3 milioni e 32 milioni di abbonati nell’ultimo anno. In alcune proiezioni per il 2020, Netflix sarà ancora leader con un probabile numero di abbonati pari a 139 milioni, Amazon Video con 96,5 milioni e Hulu con 35 milioni.

Sarà ancora da vedere se Netflix potrà raggiungere i numeri di un altro gigante in campo video, YouTube, che nell’ultimo anno conta circa 186 milioni di utenti attivi, con una proiezione di 198,7 milioni di utenti entro il 2020.

“Wall Street sarà concentrata particolarmente sull’incremento di utenza di Netflix” ha dichiarato l’analista di eMarketer Paul Verna; “se l’azienda non sarà in grado di battere ancora una volta tutte le aspettative degli analisti, gli investitori inizieranno a chiedersi se l’investimento di 7 miliardi di dollari fatto in questo ultimo anno sarà ancora sostenibile, soprattutto in relazione alla enorme crescita di Amazon e Hulu”.

Al momento ciò che permette all’azienda di tenere il primato, oltre alla pubblicazione di contenuti Originals che battono ogni record di visione, è anche la qualità video di cui l’utente gode, argomento sul quale al momento ha battuto la concorrenza.

Non solo, ma nei piani futuri dell’azienda ci sono due cose che potrebbero far venire l’acquolina in bocca agli investitori:

  • Un incremento della qualità visiva per tutti gli utenti che usufruiscono del servizio da dispositivi mobili come smartphone e tablet.
  • La creazione di contenuti “interattivi”, ossia contenuti nei quali sarà l’utente a decidere l’andamento della storia e il destino dei personaggi.

In ultima analisi, dal sondaggio è emerso che ci sono circa 2,5 utenti per ogni abbonamento pagato, con una media per utente di circa 73 minuti di visione al giorno, dato che è quasi alla pari con la visione della tv tradizionale

Advertising
; ;