In questi giorni si è parlato dell'aumento dei prezzi negli Stati Uniti, e ci chiedevamo se questi aumenti sarebbero prima o poi arrivati anche da noi. Talvolta, infatti, Netflix adegua i piani e i prezzi in funzione dell'aggiunta di serie TV e film esclusivi o dell'introduzione di nuove funzionalità. Dal 9 ottobre, quindi ci sarà un piccolo aumento.

Non è previsto un cambiamento di prezzo nel piano base da 1 schermo, che resta di €7.99 al mese, mentre il piano Standard (che permette di vedere Netflix su due dispositivi contemporaneamente, incluso l’HD dove disponibile) e il piano Premium (che permette di vedere fino a quattro schermi contemporaneamente, HD e UHD incluse ove disponibili) subiranno un piccolo aumento rispettivamente di 1 e 2 euro, quindi € 10.99 per il piano Standard e € 13.99 per il piano Premium.

UPDATE Il 9 ottobre scattano i nuovi prezzi per chi non è ancora abbonato, mentre gli utenti Netflix riceveranno, a partire dal 19 ottobre, la notifica dell’aumento, almeno 30 giorni prima del loro ciclo di fatturazione o di quando leggono la notifica.  Saranno avvisati sia via email che tramite la piattaforma. Quindi il cambio effettivo sui singoli abbonati si svolgerà nel corso dei prossimi mesi. Come sempre, gli utenti possono vedere le info sul prezzo nel loro account setting di Netflix.

 

Netflix ci tiene a ricordarci che:

  • Come sempre, fino a 5 membri della famiglia possono creare il proprio profilo personalizzato sullo stesso account Netflix, così che i suggerimenti si adattino perfettamente ai propri gusti personali.
  • Dal 2016, gli abbonati possono guardare Netflix anche senza una connessione a internet, scaricando i contenuti su  smartphone, tablet e laptop Windows 10.
  • Netflix offre per molti titoli un servizio streaming in HD e in Dolby 5.1, permettendo ai propri utenti di vivere la migliore esperienza di entertainment possibile. Inoltre, Netflix è anche tra i primi ad offrire agli abbonati l’Ultra HD 4K, ed espande continuamente la propria libreria, con la maggior parte dei contenuti originali live action disponibili in questo formato.
  • Negli ultimi 2 anni, il numero di titoli disponibili in Italia è aumentato del 207%
  • Netflix ha aggiunto più di 1000 ore di contenuti originali nel 2017. I titoli originali in arrivo sulla piattaforma includono Suburra (dal 6 Ottobre), Stranger Things (dal 27 Ottobre), Dark, The Crown (dall’8 dicembre), Bright (dicembre).
  • In totale, a partire dal suo arrivo in Europa nel 2012, Netflix ha investito 2 miliardi di dollari in produzioni europee (contenuti originali, in licenza e co-produzioni), un investimento in crescita che per ora include più di 100 produzioni originali a diversi livelli di sviluppo, tra cui:
    • Marseille in Francia, The Crown negli UK, Las chicas del cable in Spagna – la seconda stagione in arrivo a breve
    • La prima produzione italiana di Netflix Suburra, la serie presentata in anteprima al Festival del Cinema di Venezia lo scorso mese e in arrivo il 6 Ottobre
    • Il nostro secondo film originale spagnolo, Fe de Etarras è stato recentemente presentato al San Sebastián International Film Festival e verrà lanciato su Netflix il 12 ottobre
    • La prima produzione originale tedesca Dark, presentata in anteprima al Film Festival di Toronto lo scorso mese e in arrivo in inverno
    • In produzione anche il primo contenuto originale danese (The Rain) e la prima serie turca, così come The  Witcher,  basata su una famosa saga fantasy polacca e Dogs of Berlin, la seconda produzione originale tedesca di Netflix. Inoltre, il film Outlaw King è attualmente in produzione in Scozia.
    • Annunciato di recente The Eddy, il dramma musicale che verrà girato in Francia e avrà dialoghi in Francese, Inglese e Arabo. La regia è a cura del premio Oscar Damien Chazelle (La La Land).
    • Annunciata anche la prima produzione originale polacca, che sarà diretta dalla candidata all’Oscar Agnieszka Holland, e la prima serie originale svedese, Quicksand, tratta da The Bridge.
    • Altre 6 produzioni originali europee verranno annunciate nel 2017, come anticipato da Erik Barmack a Venezia).

Avrà inciso anche il Decreto Cinema Italiano? Possibile, ma considerando la contemporaneità dell'aumento anche in altri Paesi, probabilmente era qualcosa di pianificato da tempo.

 

Advertising